Notiziario Notizie Inghilterra Londra è la città più interessante al mondo per gli investitori, grazie a trasporti e ambiente. Ecco la classifica

Londra è la città più interessante al mondo per gli investitori, grazie a trasporti e ambiente. Ecco la classifica

Londra diventa la città più interesante al mondo per gli investitori, grazie alle sue politiche ambientali e ai trasporti che le hanno permesso di sorpassare le città americane, come Los Angeles, che deteneva il primato da ormai quattro anni. La classifica delle metropoli più solide a livello economico e più interessanti sul fronte investimenti, che nasce dall’Indice Schroders Global Cities, dimostra come le problematiche di sostenibilità siano sempre più al centro dell’attenzione. Le città sono infatti responsabili per più del 70% delle emissioni globali di Co2 e il modo in cui rispondono alla crescente domanda di urbanizzazione, così come alle questioni ambientali e sociali, rappresenta sia una sfida sia un’opportunità per policymaker, residenti e investitori.

Quest’anno Londra ha conquistato il primo posto nell’Indice Global Cities di Schroders, grazie a un punteggio elevato per la lotta al cambiamento climatico. Lo score della capitale inglese è passato da 8,19 a 8,53, con punteggi particolarmente elevati nelle categorie innovazione e sistema di trasporti, oltre che grazie alle sue prestigiose università. “Il fatto che Londra abbia riguadagnato il primo posto nell’indice non ci ha sorpreso – ha commentato Hugo Machin, Portfolio Manager e Co-Head of Global Cities, Schroders – Nonostante le incertezze legate a Brexit e il contesto politico che ne è conseguito, i fondamentali sottostanti rimangono attraenti per gli investitori. Grazie a un’economia che continua ad attrarre aziende multinazionali e talenti con elevate competenze, un gran numero di spazi verdi, l’accesso ad acqua pulita, così come una rete energetica affidabile e un sistema di trasporti pubblici efficiente, Londra ha continuato a essere popolare tra gli investitori”.

La classifica individua le città con una combinazione ottimale di dinamismo economico, eccellenza universitaria, politiche ambientali all’avanguardia ed efficienza nelle infrastrutture di trasporto. In particolare, l’Indice di Schroders, sviluppato dal team Global Cities, si basa su quattro metriche: economia, ambiente, innovazione e, per la prima volta, trasporti, con particolare focus sui sistemi di trasporto di massa. Il punteggio relativo ai trasporti è stato ideato a complemento di quello ambientale, che era stato introdotto a febbraio dell’anno scorso, dato che una rete di trasporti efficienti è considerata essenziale per supportare la mobilità sociale. L’indice è ora orientato verso questi due fattori ambientali e sociali, dando maggior credito alle città che realizzano questi punti chiave.

Tornando alla classifica, al secondo posto quest’anno è salita San Francisco (dal sesto dell’anno scorso), un importante hub tecnologico dove hanno sede alcune delle principali società mondiali, università di alta qualità e centri di innovazione, come Stanford. Inoltre, in base al reddito pro-capite, il benessere economico della città resta complessivamente molto elevato. Boston si è guadagnata invece il terzo posto (salendo dal quarto del 2020) grazie ai suoi centri di ricerca noti in tutto il mondo, come il Massachusetts Institute of Technology e Harvard. Rispetto alle altre città, l’infrastruttura dei trasporti di Boston resta competitiva in termini di distanze tra gli snodi ferroviari e le stazioni di autobus.

L’introduzione del punteggio relativo ai trasporti ha invece portato Los Angeles a cadere dal primo posto (che ormai deteneva da quattro anni) al 14esimo posto quest’anno.

Le città di dimensioni medie, soprattutto in Europa, hanno posizioni più elevate. Stoccolma, Madrid, Copenaghen, Monaco e Manchester sono tutte città che godono di buoni sistemi di trasporto pubblico e politiche ambientali in miglioramento, e hanno anche il potenziale per offrire interessanti opportunità di lavoro.