News Finanza Indici e quotazioni Gas europeo in picchiata di oltre -9% dopo rassicurazioni Putin su crisi Ucraina. Colloqui con Draghi e Macron

Gas europeo in picchiata di oltre -9% dopo rassicurazioni Putin su crisi Ucraina. Colloqui con Draghi e Macron

Prezzi del gas europeo in forte calo, dopo le rassicurazioni sulle forniture di gas che sono arrivate direttamente dal presidente russo Vladimir Putin, nella giornata di oggi.

“Garantiremo le forniture di gas all’Italia”, ha detto Putin, che stamattina ha parlato con il presidente del Consiglio Mario Draghi, affrontando la questione della crisi ucraina.

Bloomberg ha riportato inoltre in un articolo che le forniture russe dirette in Slovacchia attraverso il punto di interconnessione Velke Kapusany che attraversa l’Ucraina sono rimbalzate, tornando alla normalità.

I futures sul gas europeo sono così affondati di oltre il 9%, fino a 77,55 euro per megawattora, a fronte del calo superiore a -6% a 190,20 pence per therm del contratto UK equivalente.

Le forniture russe verso la Germania attraverso la Polonia rimangono invece sospese, in un contesto in cui le tensioni geopolitiche innescate dai timori di un’invasione dell’Ucraina da parte della Russia rimangono molto alte.

Oggi il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov terrà una conversazione telefonica con il segretario di Stato Usa

Antony Blinken.

Putin, che ha già parlato al telefono, oltre che con Draghi, anche con il presidente francese Emmanuel Macron, incontrerà oggi il premier ungherese Viktor Orban.