Finanza Notizie Mondo Volo Sidney-Londra in 20 ore senza scalo: il progetto di Qantas

Volo Sidney-Londra in 20 ore senza scalo: il progetto di Qantas

qantas

Nel 1935 volare dall’Australia a Londra significava impiegare 12 giorni e mezzo di viaggio e persino con navi extraefficienti il viaggio era altrettanto lungo visto che occorrevano be 30 fermate. Ora viaggiare da Sidney a Londra si potrà fare in venti ore senza scalo. Una realtà che potrà essere possibile grazie a Qantas, la compagnia aerea di bandiera dell’Australia il cui amministratore delegato, Alan Joyce, un anno fa aveva pubblicamente sfidato Boeing e Airbus a progettare un aereo in grado di effettuare un volo capace di volare da Sydney a Londra o New York.

“Ora ci sentiamo perfettamente in grado di avere veicoli capaci di farlo”, ha detto Joyce in un’intervista resa a Bloomberg. L’AD di Qantas ha così parlato del progetto Sunrise, che prevede la configurazione di un aeromobile in grado di far volare circa 300 passeggeri e i loro bagagli più lontano di qualsiasi altro servizio di linea è in grado di offrire fino ad oggi, con carburante a disposizione per venti contrari imprevisti ed emergenze. Voli-matarona che, se le prime rotte si rivelassero praticabili nel 2022, potrebbero seguirne collegamenti diretti dalle principali città delle Americhe, dell’Europa e dell’Africa verso l’Australia.

Qantas sta trattando con Boeing e Airbus per realizzare il progetto ma i dettagli non sono noti. “Stiamo esaminando tutte le opzioni per soddisfare i requisiti del progetto Sunrise, ma non possiamo commentare i dettagli delle nostre discussioni con Qantas”, ha detto Airbus. Boeing ha dichiarato: “Siamo fiduciosi di poter soddisfare le esigenze del cliente in termini di portata e capacità”. Come saranno gli aerei all’interno? Considerando la lunghezza del volo, Qantas immagina velivoli dotati di tutti i comfort possibili con angolo bar, letti a castello, angolo palestra e area baby, sottolinea Joyce. Il piano ambizioso di Qatas voluto dall’ad segue una svolta triennale che ha resuscitato una compagnia aerea di bandiera quasi in ginocchio facendosi spazio nel settore delle compagnie aeree che, secondo gli ultimi dati dell’Associazione internazionale del trasporto aereo, quest’anno non vivranno momenti felici con profitti e rendimenti in caduta libera, ai livelli più bassi dal 2014. A pesare in particolare l’aumento dei prezzi del carburante.