Finanza Notizie Mondo TikTok: l’accoppiata Walmart-Microsoft in vantaggio nella corsa per acquistare il social

TikTok: l’accoppiata Walmart-Microsoft in vantaggio nella corsa per acquistare il social

Si avvicina il traguardo nella corsa per acquistare TikTok, il social network del gruppo cinese ByteDance. Secondo alcune indiscrezioni di stampa, già a inizio settembre si potrebbe conoscere il nome di chi riuscirà a mettere le mani sulle attività americane di TikTok che potrebbero essere valutate tra i 25 ei 30 miliardi di dollari (21,1 e 25,4 miliardi di euro). In vantaggio ci sarebbe l’accoppiata Walmart-Microsoft, appena formata.

I grandi magazzini Walmart hanno infatti annunciato ieri sera di essersi uniti al colosso del software Microsoft per unire gli sforzi e provare ad accaparrarsi le attività in Nord America, Australia e Nuova Zelanda del social. “Riteniamo che una potenziale relazione con TikTok Usa in collaborazione con Microsoft potrebbe fornire a Walmart un canale importante per raggiungere i clienti, nonché per far crescere il nostro mercato e le attività pubblicitarie – si legge nella nota diffusa dalla catena – Siamo fiduciosi che una partnership con Microsoft soddisferà entrambe le aspettative degli utenti di TikTok statunitensi e al contempo le preoccupazioni dei regolatori del governo degli Stati Uniti”. Il social network è infatti nel mirino del presidente americano Donald Trump che ha dato tempo fino a novembre alla controllante cinese ByteDance di dismettere le attività di TikTok negli Usa.

Fin da subito Microsoft aveva annunciato pubblicamente di essere interessata a concludere un possibile deal, anticipandolo al 15 settembre. E ora che si è rafforzata con Walmart, la strada sembra spianata. Ma l’accoppiata Walmart-Microsoft dovrà comunque fare i conti anche con altri pretendenti. ByteDanche è infatti in trattativa con diversi potenziali acquirenti, tra cui spicca Oracle. Quest’ultima starebbe già lavorando con un gruppo di investitori americani che già possiedono una partecipazione nella società cinese, tra cui General Atlantic e Sequoia Capital, per formulare una offerta sulle attività di TikTok negli Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Era spuntata poi anche l’indiscrezione di Reuters, secondo cui anche Twitter si era approcciata a ByteDance per esprimere il suo interesse per un acquisto delle operazioni di TikTok negli Usa.

 

Lascia l’amministratore delegato Kevin Mayer
Intanto l’amministratore delegato di TikTok, Kevin Mayer, si sarebbe dimesso, dopo aver assunto l’incarico da poco più di tre mesi. Secondo l’indiscrezione raccolta dal financia Times, la decisione è stata presa dopo che il presidente americano Donald Trump ha disposto il divieto della popolare app negli Stati Uniti a meno che la società madre ByteDance Inc. di Pechino non la vendesse entro 90 giorni. In una lettera ai dipendenti, Mayer avrebbe fatto riferimento ai cambiamenti sul piano politico e quindi sul suo ruolo. Mayer era entrato a far parte di TikTok a maggio, dopo un periodo alla guida di Disney+, il servizio streaming della Walt Disney. Il direttore generale di TikTok, Vanessa Pappas, assumerà il ruolo di CEO ad interim.