Notiziario Notizie Inghilterra In UK arriva la manovra lacrime e sangue, tagli spesa pubblica e aumenti tasse da 55 miliardi di sterline

In UK arriva la manovra lacrime e sangue, tagli spesa pubblica e aumenti tasse da 55 miliardi di sterline

Regno Unito alle prese con una recessione, a fronte di una manovra fatta di tagli alle spese e di aumenti delle tasse che ammontano a un valore totale di 55 miliardi di sterline. Il sogno, o meglio chimera, miraggio di Liz Truss sembra lontano anni luce.

Il populismo sfrenato del governo di Truss, le promesse di aiuti a tutti – in particolar modo ai ricchi – a dispetto delle finanze pubbliche, hanno scatenato una tale ansia sui mercati, che ora il Regno Unito è costretto a rimettersi in riga, con misure di austerity che piombano su un paese stremato dall’inflazione e dalla recessione.

La mini finanziaria made in UK tanto attesa è stata annunciata oggi dal ministro delle Finanze e cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt, in un discorso al Parlamento, la dichiarazione d’autunno “Autumn Statement”.

Hunt non ha indorato la pillola: “il mio piano di bilancio comporta un notevole aumento delle tasse”.

Il cancelliere dello Scacchiere ha anche sottolineato che il partito dei Tory non è favorevole a una politica fiscale che lascia la zavorra dei debiti sulle spalle delle generazioni future. Detto questo, Hunt ha precisato che la pressione fiscale complessiva salirà di appena l’1%.

La tegola sulla testa dei cittadini britannici c’è in ogni caso: oltre ai tagli alla spesa pubblica di circa 30 miliardi di sterline, le tasse saranno aumentate a carico di milioni di cittadini di ben 25 miliardi di sterline.

E’ questa la ricetta del governo del neo premier Tory Rishi Sunak. Ricetta che inizierà a far sentire subito i suoi effetti visto che l’aliquota massima sui redditi, pari al 45%, sarà applicata a partire dalla soglia di reddito annuo di 125.000 sterline, rispetto alla precedente di 150.000 sterline.

I tagli alle tasse senza copertura – ha ammonito Hunt – sono pericolosi”.

Il piano varato, ha spiegato il ministro UK, ha come obiettivo quello di “affrontare la crisi del costo della vita e di ricostruire la nostra economia”, a fronte di “ostacoli a livello globale senza precedenti”. Le priorità della manovra, ha continuato, saranno la stabilità, la crescita e la tutela dei servizi pubblici.

Hunt ha reso noto anche la fine dell’esenzione dal bollo per i possessori di auto elettriche, che scadrà nell’aprile del 2025. Le soglie massime delle imposte sui redditi, dell’assicurazione sanitaria e della tassa di successione saranno congelate per altri due anni, rimanendo ingessate fino all’aprile del 2028. La soglia di esenzione fiscale sui dividendi sarà tagliata da 2.000 a 1.000 sterline a partire dal prossimo anno, per scendere fino a 500 sterline nell’aprile del 2024.

Hunt ha confermato, tra le misure, l’estensione delle tasse sui profitti delle aziende energetiche:

A partire dal primo gennaio fino al 28 marzo, aumenteremo le tasse sugli utili dell’industria dell’energia dal 25% al 35%. La struttura del nostro mercato energetico è tale da creare extraprofitti per le aziende di generazione di elettricità a basso uso di carbone. Di conseguenza, dal primo gennaio, introdurremo una nuova tassa temporanea del 45% sui generatori di elettricità. Insieme, queste misure permetteranno di raccogliere 14 miliardi di sterline”.

Jeremy Hunt ha annunciato nel suo intervento anche le nuove proiezioni economiche stilate dall’OBR, Office for Budget Responsibility:

previsto ora un deficit pari al 7,1% del Pil nell’anno finanziario corrente, ben al di sopra del 3,9% del Pil previsto lo scorso marzo. Il deficit scenderà al 5,5% del Pil nel 2023 (oltre il +1,9% precedentemente atteso), per poi calare al 2,4% del Pil nell’anno finanziario 2027-28.

Il rapporto debito-Pil del Regno Unito inizierà a scendere dal picco del 97,6% del 2025-2026 al 97,3%, nel 2027-2028.

Hunt ha detto inoltre, citando le previsioni dell’OBR, che il Pil UK scenderà dell’1,4% nel corso del 2023, per tornare a crescere soltanto l’anno successivo, nel corso del 2024.

Per la precisione: nel 2022, la crescita del Pil sarà del 4,2%, superiore al +3,8% stimato a marzo; nel 2023 la contrazione del prodotto interno lordo sarà per l’appunto dell’1,4%, rispetto alla crescita dell’1,8% precedentemente attesa.

Nel 2024 il Pil UK salirà dell’1,3%, meno del +2,1% atteso a marzo; nel 2025, l’espansione sarà del 2,6%, rispetto al +1,8% dell’outlook precedente, mentre nel 2026 la crescita del Pil sarà del 2,7%, rispetto al +1,7% stimato a marzo. Per quanto concerne l’inflazione, Hunt ha riferito che le previsioni sono di un aumento del 9,1% quest’anno e del 7,4% l’anno prossimo.