Finanza Notizie Mondo Facebook: continua emorragia utenti in Europa. Zuckerberg punta tutto su video e Stories

Facebook: continua emorragia utenti in Europa. Zuckerberg punta tutto su video e Stories

 

Rallenta la crescita di Facebook che archivia il terzo trimestre dell’anno con il ritmo di crescita dei ricavi più basso degli ultimi 6 anni. Indicazioni non convincenti sul fronte utenti. Facebook tra luglio e settembre ha perso 1 milione di clienti mensili in Europa confermando il trend negativo iniziato nel secondo trimestre. A livello globale risultano comuqne in crescita gli utenti attivi mensili (2,27 miliardi) e quelli giornalieri (1,49 miliardi), in aumento rispettivamente del 10% e del 9%. Negli Stati Uniti e in Canada gli utenti giornalieri risultano stabili a 185 milioni, segnando il quinto trimestre consecutivo con utenti invariati o in calo.

L’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, non si mostra preoccupato e vede “enormi opportunità” nei video e nelle “Storie” su Instagram. Il numero uno di Facebook ha comunque avvertito che la crescita futura dei ricavi potrebbe rallentare complice il passaggio “dai news feed alle Storie meno agevole del previsto”. “I nuovi prodotti potrebbero fare meno soldi e rubare l’attenzione degli utenti dal flusso principale di foto, commenti e annunci redditizi sul social network”, ha avvertito Zuckerberg.

Il celebre social network ha quasi raggiunto il punto di saturazione in termini di crescita, in particolare negli Stati Uniti e in Europa. E i nuovi utenti di Facebook spesso vivono in mercati pubblicitari meno redditizi. Ciò ha spinto la società a investire pesantemente su più progetti sperimentali. 

I risultati finanziari del terzo trimestre
Facebook ha chiuso il terzo trimestre con un Eps (utile per azione) a 1,76 dollari contro gli 1,59 dollari nello stesso periodo dell’anno precedente, che corrisponde a una crescita del 9% a 5,13 miliardi di dollari dai 4,71 mld dell’analogo trimestre 2017. Il consensus degli analisti era per un Eps a 1,49 dollari.
Complessivamente, il colosso di Menlo Park ha registrato un fatturato di $ 13,73 miliardi, +33% rispetto ai $ 10,14 miliardi nello stesso periodo dell’anno scorso; in questo caso i riscontri sono leggermente sotto le aspettative per vendite di ($ 13,78 miliardi il consensus). Il ritmo di crescita risulta comunque il più basso degli ultimi 6 anni.

 

Le azioni di Facebook sono aumentate del 3,1% nell’afterhours dopo aver chiuso a $ 146,22 a New York.