Finanza Notizie Italia Università: i giovani italiani i più insoddisfatti, solo 6 studenti su 10 sono appagati

Università: i giovani italiani i più insoddisfatti, solo 6 studenti su 10 sono appagati

Giovani italiani insoddisfatti della propria vita studentesca. In Italia il loro livello di soddisfazione è al 62% (vale a dire 6 studenti su 10 sono appagati), poco sopra la sufficienza, ma indietro se confrontata con quella di altri paesi come India, Cina e Regno Unito dove emerge un maggiore benessere. Tra le principali preoccupazioni, il carico di lavoro e il futuro. Lo rivela il sondaggio a livello mondiale condotto da Sodexo intervistando oltre 4000 studenti provenienti da Italia, Cina, Stati Uniti, Spagna, Regno Unito e India relativamente allo stile di vita universitario.

Dalla ricerca, l’Italia si configura triste fanalino di coda per quanto concerne la felicità dei propri giovani: quasi 4 universitari su 10 (38%) rivelano di non essere soddisfatti della propria vita, addirittura quasi uno su 2 (46%) non è contento del proprio percorso accademico. Le percentuali sono ancora più impietose se raffrontate con i colleghi a livello internazionale: gli studenti di India (82%), Cina (76%), Regno Unito (75%), Stati Uniti (73%) e Spagna (70%) risultano essere decisamente più appagati dalla propria vita studentesca. Ma non è tutto: ben il 36% degli italiani ha pensato almeno una volta di abbandonare l’università, contro il 5% dei cinesi e il 20% degli indiani, preceduti solo dai pari età inglesi (37%).

I motivi dell’insoddisfazione? Sul podio delle preoccupazioni, l’eccessivo carico di lavoro, la mancanza di equilibrio tra studio, socializzazione e lavoro e la possibilità di trovare lavoro dopo la laurea. Se al primo posto della top 10 si piazza l’eccessivo carico di lavoro che devono sopportare (51%), ben il 44% lamenta la mancanza di equilibrio tra il tempo da dedicare allo studio, alla socializzazione e al lavoro, mentre il terzo gradino del podio spetta alle scarse possibilità di trovare un’occupazione dopo la tanto sudata laurea (43%). Il 39% non crede di essere in grado di cercare il lavoro dopo il titolo di studio, mentre il 31% non crede di raggiungere una votazione che corrisponda alle proprie aspettative dopo aver discusso la tesi. Completano la classifica le preoccupazione economiche quotidiane (30%), il senso di solitudine (19%), la nostalgia di casa (10%) e i debiti accumulati durante il percorso di studio (8%).

Un discorso a parte è quello dei motivi che hanno spinto il 36% degli studenti italiani a considerare l’abbandono degli studi come soluzione ai propri problemi, un dato molto simile a Regno Unito (37%), Stati Uniti (35%), Spagna (33%), ma lontano da India (20%) e Cina (5%). Tra i giovani italiani che hanno pensato di abbandonare l’università il 57% l’ha fatto per problemi legati allo studio, il 28% per problemi economici, il 22% per problemi familiari, il 21% per l’insoddisfazione legata alla qualità dei servizi in relazione al rapporto qualità/prezzo, il 16% per problemi di salute e il 12% per problematiche legate alla vita sociale.