Finanza Notizie Italia Nuovo record del debito pubblico, sulle spalle di ogni italiano oltre 38mila euro

Nuovo record del debito pubblico, sulle spalle di ogni italiano oltre 38mila euro

Nuovo record del debito pubblico italiano, che, dopo il primato dei mesi scorsi, sale ulteriormente. Secondo i dati diffusi oggi dalla Banca d’Italia, il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato a novembre di 10,2 miliardi di euro rispetto al mese di ottobre, portandosi a quota 2.345,3 miliardi.

Dato che in Italia, secondo quanto riportato dall’Istat nell’ultimo Annuario statistico italiano, ci sono 25.494mila famiglie, è come se ognuna avesse il conto corrente in rosso per 92mila euro, 91.995 euro per la precisione. Se si considera invece la popolazione residente, pari a 60.483.973 persone, è come se ogni italiano avesse un debito di 38mila e 776 euro.

“Pessima notizia! Decisamente preoccupante, vista la fine del QE”, commenta Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, che invita il governo a rivedere gli obiettivi finanziari e porrre maggiore attenzione sulle finanze pubbliche: “invece di esultare per aver ottenuto dall’Ue la possibilità di fare il 2% di deficit – afferma – dovremmo preoccuparci di ridurre il debito, sia rispetto al Pil che in valore assoluto”.

Tornando ai dati di Bankitalia, il debito pubblico è salito di 1,2 miliardi per l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio. Guardando alla divisione per sottosettori, la variazione del debito ha sostanzialmente riguardato le amministrazioni centrali, mentre il debito delle amministrazioni locali e quello degli enti di previdenza sono rimasti pressoché invariati.