Finanza Notizie Italia In arrivo il prestito a tasso negativo: si restituisce meno di quanto ricevuto

In arrivo il prestito a tasso negativo: si restituisce meno di quanto ricevuto

prestiti
Dopo i prestiti a tasso zero, sono in arrivo i finanziamenti a tasso negativo, che permettono addirittura di restituire meno di quello ricevuto. Si tratta di un’iniziativa circoscritta, una sorta di esperimento pilota, che però potrebbe rappresentare una rivoluzione per il mondo dei prestiti.

Cosa è?
Il prestito a tasso negativo è un prodotto finanziario che permette ai consumatori di avere accesso al credito con un TAEG a conti fatti del -1%. Questa tipologia di prestito è disponibile, almeno per il momento, in tagli da 1.000 euro ed è restituibile in un piano di due anni. Si tratta di un prestito non finalizzato, quindi il richiedente potrà spendere il credito ottenuto come desidera, senza doverne dichiarare le finalità al momento della richiesta.

Come funziona?
Se la richiesta viene accolta, il consumatore accede a un prestito personale di 1.000 euro e insieme gli viene riconosciuto un cashback di 54 euro, liquidato in aggiunta al finanziamento. Quindi al richiedente verrà accredito un ammontare complessivo di 1.054 euro. Contando che la rata mensile è di circa 43,46 euro per due anni, alla fine del piano di ammortamento il consumatore restituirà 1.043 euro, che in realtà saranno solo 989 euro grazie al cashback ricevuto inizialmente (1.043-54 di cashback = 989). Insomma il cliente restituirà meno di quanto ricevuto.

I requisiti per accedere al tasso negativo
Potranno fare domanda di finanziamento tutti i lavoratori dipendenti, i lavoratori autonomi, i liberi professionisti e i pensionati. Non potranno ottenere il prestito, invece, gli utenti che non hanno reddito dimostrabile, non hanno una solidità finanziaria tale da consentirgli di pagare le rate e, ancora, quelli che hanno avuto in passato disguidi finanziari.

Le caratteristiche dell’iniziativa
Il prestito a tasso negativo è richiedibile esclusivamente dal prossimo 22 ottobre e non oltre il 30 novembre 2018, unicamente online attraverso Facile.it, e viene erogato da Younited Credit, una piattaforma digitale di credito attiva in Francia dal 2011 e diventata operativa anche in altri paesi d’Europa. Proprio nell’essere disponibile solo sul canale online risiede la ragione del portare a risparmi così alti per i consumatori. “Per adesso – dichiara Andrea Bordigone, responsabile prestiti di Facile.it – l’iniziativa proposta da Younited Credit su Facile.it è da considerarsi come un pilota volto a far conoscere ai consumatori il vantaggio di informarsi autonomamente sulle reali possibilità di risparmio disponibili sul mercato”.

I possibili vantaggi futuri
L’Italia risulta essere uno dei primi paesi al mondo ad accogliere questa tipologia di finanziamenti. Le esperienze più significative di prestito personale a tasso negativo sono state fatte qualche mese fa in Germania. E basandosi su di esse, gli attuatori di questa iniziativa ritengono che lo spostamento di un elevato numero di consumatori dai canali offline a quelli online produrrà una riduzione media dei tassi applicati ai prestiti compresa fra lo 0,5% e l’1%. Considerando che lo scorso anno, a livello nazionale, l’erogato è stato di oltre 22 miliardi di euro, il risparmio potenziale sugli interessi potrebbe arrivare ad essere compreso fra i 300 ed i 500 milioni di euro.