Notiziario Notizie Italia Case vacanze: compravendite in crescita, soprattutto nelle località marine. A Capri i prezzi più alti

Case vacanze: compravendite in crescita, soprattutto nelle località marine. A Capri i prezzi più alti

Il mare è la scelta prioritaria degli italiani quando si tratta di comprare una casa vacanza. Lo dice l’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2019 di FIMAA-Confcommercio (Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari) che, in collaborazione con Nomisma, ha “fotografato” l’andamento del mercato 2019 delle case per vacanza in Italia, attraverso l’analisi dei dati delle compravendite e delle locazioni di 205 località di mare e 112 di montagna e lago.

Il mercato delle case vacanze in Italia

Ebbene dall’Osservatorio emerge che le compravendite di abitazioni nelle località turistiche sono cresciute particolarmente e rispetto al 2017, lo scorso anno si sono registrate complessivamente il 6,1% in più delle transazioni,  in linea col dato nazionale (+6,5%). In particolare, sono le località marine che hanno fatto segnare +6,4%, quelle montane +4,0%, mentre quelle lacuali +7,6%. Nel 2019, il prezzo medio per l’acquisto di un’abitazione turistica si attesta a 2.134 euro al mq commerciale. A livello regionale il Lazio registra il calo più intenso (-3,5%), a seguire Liguria (-3,1%), Valle d’Aosta, Toscana, Campania e Molise (-2,5%). Il Friuli Venezia-Giulia è l’unica regione invece a registrare un aumento dei prezzi medi (+1,5).

I prezzi delle case nelle località marine: qual è la pià cara

Nelle località marine, il calo maggiore dei prezzi medi di compravendita di appartamenti nel 2019 si registra in Lazio (-3,5% annuo) e Liguria (-3,1%), mentre il Friuli Venezia-Giulia segna un +0,8%; tra le località di montagna o lago la maggiore variazione negativa è in Valle d’Aosta (-2,5%), mentre in Friuli Venezia-Giulia  si è rilevato un aumento dei prezzi medi pari a +1,7%. A livello di località turistiche, i prezzi massimi di compravendita di appartamenti top o nuovi nel 2019 si registrano a Capri (NA), dove si può arrivare a pagare anche  12.700 €/mq. A seguire Forte dei Marmi (LU) con 12.600 €/mq e Madonna di Campiglio (TN) con 12.400 €/mq. Santa Margherita Ligure (GE), dopo parecchi anni in vetta alla classifica, scende al quarto posto, seguita da Courmayeur (AO), Cortina d’Ampezzo (BL), Selva di Val Gardena (BZ) e Porto Cervo (SS).

Crescono anche le locazioni: il mare la meta preferita

Crescono anche le locazioni che nel 2019 segnano un aumento dell’1,3% su base annua, in miglioramento rispetto al 2018, beneficiando della crescita dei flussi turistici. L’aumento ha interessato maggiormente le località marittime (+1,9% in media) e le località lacuali (+1,0%), mentre le località di montagna sono in media sugli stessi livelli del 2018.