Finanza Internal dealing Ferrari punta sull’ibrido e lancia 15 nuovi modelli. In arrivo Purosangue, ma non sarà Suv

Ferrari punta sull’ibrido e lancia 15 nuovi modelli. In arrivo Purosangue, ma non sarà Suv

ferrari“Entro la fine del piano stimiamo che circa il 60% delle nostre vetture sarà ibrido”. Così il nuovo AD di Ferrari Loius Camilleri nell’investitor day a Maranello, il battesimo ufficiale da nuovo CEO del gruppo nominato qualche giorno prima del decesso di Sergio Marchionne avvenuto a fine luglio.

Ferrari punta tutto sull’ibrido

Ricordando “che il motore ibrido più performante è già prodotto qui a Maranello”, Camilleri ha annunciato il lancio di nuovi ben 15 modelli tra il 2019 e il 2022, precisando che il Cavallino sarà attento alle normative sulle emissioni senza disattendere le aspettative dei consumatori. L’utilizzo dell’ibrido nei motori Ferrari , ha garantito il CEO, “non ridurrà i nostri margini, anzi li aumenterà. Ovviamente l’ibrido costa di più, ma dà anche al gruppo la possibilità di aumentare il prezzo di vendita. Quindi, “non ridurrà i nostri margini, anzi sarà proprio il contrario”.

Il modello di punta: Purosangue

Modello di punta sarà il nuovo Suv che si chiamerà Purosangue. “Arriverà alla fine del piano” afferma Camilleri “e supererà le aspettative dei consumatori”, anche se lo stesso manager afferma che il termine Suv non rientri nelle sue corde. “Per me – ha detto durante il Capital Markets Day – è impossibile avvicinare la parla suv a Ferrari. Aborrisco sentire nominare suv nella stessa frase in cui si nomina Ferrari. Non voglio offendere nessuno ma la parola suv non va bene. Lo chiameremo Purosangue, sarà senza dubbio un Ferrari con performance mai vista e lo lanceremo alla fine del piano nel 2022″. Camilleri inoltre ha fatto sapere che “le discussioni stanno ancora andando avanti sia sugli aspetti tecnici sia su quelli economici. Credo che vi sia un consenso di base sui principali obiettivi, che definiremo andando avanti. Ci sono stati progressi ma siamo ancora lontani da un accordo complessivo che tutti i partecipanti sarebbero pronti a firmare”. Come sarà Purosangue? Si tratta di “veicolo unico che andrà a ridefinire le aspettative” della categoria, dice Camilleri, “caratteristiche che non sono mai viste prima”. Purosangue alimenterà il Gran Turismo e sarà lanciato alla fine di questo piano industriale. “Sarà elegante, potente, versatile, spazioso, dotato di connettività e infotainment” ha continuato. “Purosangue sarà “spettacolare e costoso, di questo potete essere certi. In tutta umiltà non crediamo che quelli presenti sul mercato rappresentino un benchmark competitivo”. Un modello che “piacerà di più alla nostra clientela cinese e ci attendiamo dopo il business plan un cambio di paradigma proprio per l’attrattiva verso il mercato cinese”.

Nel futuro prossimo sistemi di guida avanzati

Nessun progetto di guida autonoma in casa Ferrari ma la Rossa, a breve, presenterà sistemi di guida avanzati. “Non presenteremo una vettura che si guida da sola”, ha confermato il chief technology officer, Michael H. Leiters, “dovremo tenere in considerazione fattori esterni come le normative e al tempo stesso interni come le necessità del cliente”. “Personalizzeremo le tecnologie per offrire esperienze specifiche per i nostri clienti”, ha precisato Leiters. D’altra parte anche se è un must avere un futuro una gamma di motori elettrici “il carattere distintivo di Ferrari è l’emozione nella guida. Una delle cose principali è il rombo, il motore e l’accelerazione percepita ciò che si sente nello stomaco. E poi c’è la versatilità, il comfort e la capacità della macchina di rispondere. Dobbiamo quindi concentrare nella vettura tutte queste caratteristiche: fondamentale è l’innovazione. Noi sfruttiamo il know how della Formula 1 e se usiamo tecnologie già presenti sul mercato dobbiamo personalizzarle. Servono poi sinergie tra i nostri modelli”.
“Non era mai successo di presentare un numero così elevato di novità nell’arco del business plan del Cavallino”, ha precisato Enrico Galliera, chief marketing and commercial officer della Rossa.

Il battesimo di Camilleri

L’Investor day ha consacrato la nuova gestione di Ferrari sotto Camilleri, “la personificazione stessa della passione” come ha detto il presidente John Elkann ricordando il fondatore, Enzo Ferrari , e l’ex ceo, Sergio Marchionne: “Chiunque lo abbia conosciuto conserva un ricordo speciale: Sergio ha rivestito ruolo fondamentale nel rendere possibile questo futuro e di ciò gli saremo sempre grati”.