Fca continua a far peggio del mercato in Europa, si risolleva il marchio Fiat a dicembre

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

16 gennaio 2020 - 09:55

MILANO (Finanza.com)

Fiat Chrysler Automobiles (Fca) rimane indietro in Europa, evidenziando a dicembre vendite in crescita ma a un ritmo più lento rispetto al mercato e agli altri principali costruttori europei. Peggio di lei fa solo la francese PSA Group, con cui Fca si unirà in matrimonio. Le cose non vanno meglio guardando all'intero 2019: mentre il mercato sale dell'1,2%, Fca registra un calo delle immatricolazioni del 7,3% rispetto all'anno prima. Giù le vendite di tutti i marchi, tranne che per Lancia.


Le immatricolazioni in Europa e nei principali mercati 
Chiusura in bellezza per il mercato auto in Europa, con la domanda che è cresciuta per il quarto mese consecutivo. A dicembre le immatricolazioni nell’area UE+Efta hanno fatto registrare un incremento del 21,4% e tutti i mercati sono in crescita tranne il piccolo mercato della Norvegia che accusa un calo del 9,7%. "Il risultato molto positivo di dicembre è dovuto - spiega il Centro Studi Promotor - sia al fatto che in quasi tutti i paesi vi è stato un giorno lavorativo in più sia, soprattutto, alla forte pressione sul mercato delle case e dei concessionari per smaltire vetture con emissioni di CO2 che ne avrebbero compromesso la vendita nel 2020".

Meno brillante, anche se positivo, è il dato dell’intero 2019 che chiude a quota 15,8 milioni di unità, facendo registrare un aumento dell’1,2% e segnando il sesto anno consecutivo di crescita. Il progresso è dovuto a incrementi di 20 dei 31 mercati dell’area. Questo risultato è ancora lievemente al di sotto (-1,24%) del livello ante-crisi del 2007, anno in cui le immatricolazioni toccarono quota 16.003.436. Il gap da colmare è di 197.684 unità e sarebbe stato colmato se anche l’Italia, come tutti i maggiori mercati europei, avesse raggiunto il volume di immatricolazioni ante-crisi nei cui confronti accusa invece ancora un calo di 576.786 immatricolazioni.

Osservando i cinque principali mercati dell'Ue, la Germania (+5%) ha registrato il maggiore aumento e il miglior risultato degli ultimi venti anni dopo quello del 2009. La seguono la Francia (+1,9%) e l'Italia (+0,3%). Al contrario, sia la Spagna (-4,8%) sia il Regno Unito (-2,4%) hanno visto il calo della domanda nel 2019.

"In sintesi - secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor - il mercato dell’auto dell’area UE+Efta chiude il 2109 senza infamia e senza lode, mentre il 2020 si presenta con notevoli difficoltà essenzialmente per le ulteriori restrizioni sulle emissioni di CO2 e per il persistere degli effetti negativi della demonizzazione del diesel".


Fca fa peggio del mercato, nel 2019 vendite giù per tutti i marchi tranne Lancia
Fca ha immatricolato a dicembre oltre 69.400 vetture, il 13,8% in più rispetto allo stesso mese del 2018 per una quota del 5,5%. Tuttavia l'aumento è decisamente inferiore rispetto a quello del mercato e a quelli degli altri principali costruttori europei, ad eccezione di PSA Group (con cui Fiat Crysler si unirà in matrimonio), che ha visto addirittura un calo del 2,7% delle vendite. Guardando all'intero 2019, non va meglio: Fca ha immatricolato quasi 946.600 auto, evidenziando un calo del 7,3% rispetto all'anno prima. La quota si è attestata al 6%.

Guardando ai singoli marchi del gruppo, tutti hanno chiuso il 2019 con segno meno, tranne Lancia. Nel dettaglio, il brand Fiat ha immatricolato poco meno di 660mila vetture, evidenziando un -7,2% nel 2019, anche se nel singolo mese di dicembre si è risollevata con u8n balzo di oltre il 25% delle vendite. Fiat Panda l'anno scorso (oltre 185.100) è cresciuta del 9,2% rispetto all’anno precedente, per una quota del 14,4% che la conferma leader di segmento. Alle sue spalle la 500, che con 12.400 registrazioni nel mese ha migliorato le vendite del 20,5%: la vettura aumenta la quota fuori dall’Italia di 0,8 punti percentuali raggiungendo il 15,9% che è la miglior quota di sempre.


Le immatricolazioni Alfa Romeo sono scese sull'intero anno del 35%, ma Fca si dice comunque fiduciosa per l’inizio del 2020, soprattutto grazie alla Stelvio che nel singolo mese ha incrementato le vendite del 30%. Sopra le 167mila unità le vendite di Jeep nell’anno che, dopo le forti crescite degli anni scorsi, sostanzialmente si conferma ai massimi livelli mai raggiunti in Europa. Le vendite di Lancia nel 2019 sono state 58.900, in crescita del 20,6% rispetto al 2018 per una quota dello 0,4%, +0,1 punti percentuali in confronto all’anno precedente.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Ultime dai Blog


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it