Finanza Notizie Mondo La sorella di Zuckerberg bolla il Web3 come un’utopia

La sorella di Zuckerberg bolla il Web3 come un’utopia

Il Web3 è al momento una mera utopia ideale. Così Randi Zuckerberg, sorella del fondatore di Facebook e  Ceo di Zuckerberg Media, ha bollato l’ipotetica versione futura di Internet basata sulla tecnologia blockchain e in cui gli utenti, piuttosto che le aziende, hanno la proprietà di servizi e dati.

A detta della sorella del fondatore di Facebook un agevole e “completo decentramento” di Web3 non è ancora una realtà. “Ma… non è quello che sta succedendo. Quello che sta succedendo in realtà è il caos”. “Sei l’unico a guardarti le spalle e le tue risorse, le persone passano il tempo a proteggersi creando così tanti portafogli diversi e proteggendo la propria identità e questo non contribuisce allo sviluppo”.

A detta della ceo di Zuckerberg Media Web3 per svilupparsi ha bisogno di esperti che sono stati coinvolti nel sistema bancario globale e Web2 – Internet che conosciamo oggi – per fornire uno “strato protettivo”. La necessità di tali esperti è tanto più importante perché è stato “troppo facile” per gli utenti essere truffati o perdere tutte le loro risorse in Web3, ha rimarcato la Zuckerberg. Un’altra cosa che deve essere migliorata in Web3 è la facilità d’uso, ha aggiunto.

“Non dovrebbero essere necessari 45 passaggi per creare un portafoglio di criptovalute, acquistare una valuta ed entrare nel metaverso. Deve essere unico, adatto ai principianti”.

Sebbene sia ancora un concetto non ben definito, Web3, o Web 3.0, è salutato dai sostenitori come una versione decentralizzata di internet basata sulla blockchain. A detta dei sostenitori di Web3, le piattaforme online di oggi sono troppo centralizzate e controllate da una manciata di colossi internet, come Amazon, Apple, Alphabet e Meta (nome della nuova società madre di Facebook). Queste aziende hanno accumulato grandi quantità di dati e contenuti condivisi su Internet.

Le potenzialità del Metaverso 

La sorella del CEO di Meta, Mark Zuckerberg, parlando ieri alla Global Supertrends Conference 2022, si è mostrata invece entusiasta delle grandi potenzialità del metaverso.

Vari metaversi ora agiscono come “il proprio giardino recintato”, in cui gli utenti non sono in grado di utilizzare le proprie risorse su più piattaforme. Il metaverso può essere definito come un mondo virtuale in cui le persone vivono, lavorano e giocano. E le criptovalute permettono agli utenti di acquistare e sviluppare terreni virtuali o vestire i propri avatar.

“In questo momento, sono su Decentraland, mio figlio è su Roblox , l’altro mio figlio è su Fortnite . È fantastico: siamo tutti nel metaverso. [Ma]non abbiamo alcuna interazione l’uno con l’altro”, ha rimarcato Randi Zuckerberg.

Secondo la sorella di Zuckerberg nessuna azienda che gestisce un metaverso in questo momento vuole rinunciare al controllo o “condividere quella proprietà”. “Ecco perché non stiamo ancora assistendo a quel tipo di adozione mainstream da parte dei consumatori, perché deve esserci un mondo in cui esci di casa con un portafoglio. E devi vedere lo stesso comportamento anche online”.

Metaverso e immobiliare

Il metaverso a detta della Zuckerberg ha grandi potenzialità inespresse. “Stiamo davvero solo grattando la superficie di ciò che vedremo [nel metaverso]”, ha affermato Randi Zuckerberg.

Settori come quello immobiliare saranno “estremamente preziosi”. “Dovunque c’è scarsità, c’è valore. Penso che la grande domanda sarà solo, c’è scarsità nel metaverso e se c’è, ci sarà valore nel settore immobiliare lì”.

Secondo i dati di MetaMetrics Solutions, le vendite immobiliari nel metaverso hanno superato i 500 milioni di dollari nel 2021 e potrebbero raddoppiare nel 2022.

La Zuckerberg ha affermato che l’istruzione e la formazione saranno un’altra “enorme area” per opportunità e ricavi.