Notiziario Notizie Inghilterra Immobiliare e Covid: nel Regno Unito tornano in auge le case di campagna di lusso

Immobiliare e Covid: nel Regno Unito tornano in auge le case di campagna di lusso

Gli elevati costi di manutenzione, le tasse sempre più elevate e l’incertezza sulla Brexit avevano fatto perdere fascino alle case di campagna nel Regno Unito ma ora i ricchi di tutto il mondo si affrettano ad acquistare immobili nel verde inglese. Il mese scorso, l’agenzia immobiliare Savills ha quotato una proprietà del Bowden Park per 35 milioni di sterline (46,4 milioni di dollari). La proprietà comprende una villa del XVIII secolo di 15.900 metri quadrati, situata in mezzo a 22 acri di giardini perfettamente curati e 1.400 acri di terreno agricolo nel Wiltshire, a circa due ore di macchina dal centro di Londra. Il mercato delle case di campagna ha raggiunto il suo massimo nel 2007 e all’inizio del 2008. L’anno scorso, sempre secondo i dati di Savills, solo una proprietà è stata venduta per più di 15 milioni di sterline e l’anno precedente cinque.

 

Case di campagna di lusso: interesse ritrovato. Ecco perché
Ma ora, grazie in gran parte ai lockdown legati al Covid-19, ben 19 tenute di campagna nel Regno Unito sono state vendute ed offerte per oltre 15 milioni di sterline nel 2020, secondo Savills e la tenuta di Bowden Park è improvvisamente entrata nel radar dei venditori. Le case di campagna di lusso, da 2 milioni a 10 milioni di sterline, hanno visto una crescita lenta. Alla fine del terzo trimestre del 2019, secondo un rapporto di Knight Frank, il mercato ha visto più di cinque trimestri consecutivi di calo dei prezzi. Poi le cose sono iniziate a cambiare. Dal 13 maggio al 24 giugno, per esempio, il numero di offerte accettate per case di campagna da 5 milioni e 10 milioni di sterline è stato superiore del 182% alla media quinquennale, e tutte le fasce di prezzo nel periodo sono state superiori del 64% alla stessa media quinquennale.

Rispecchiando le tendenze in atto a New York e San Francisco, i ricchi residenti londinesi hanno iniziato a rivalutare il loro stile di vita urbano, ha detto a Bloomberg Edward Rook, head of the country department di Knight Frank. “Con il Covid, la vita è cambiata radicalmente, e le persone hanno iniziato a guardare le cose in modo diverso”. Improvvisamente le seconde case stanno diventando case primarie, e gli acquirenti, continua Rook, sono disposti a guardare più lontano e a viaggiare per raggiungere casa. “Molte persone stanno facendo delle loro case di campagna la loro prima casa e invece di avere una grande casa a Londra e forse un cottage in campagna, stanno invertendo la tendenza con un appartamento più piccolo a Londra e una residenza principale in campagna”. Un trend che riguarda ancora pochi fortunati, visto che i tratta di case in campagna del valore di oltre 10 milioni di sterline, ma chissà che questa tendenza non si diffonda sul mercato del mattone di altre fasce e in altri paesi.