Finanza Notizie Mondo FMI in pressing su Truss per rivalutare il piano fiscale, rating UK a rischio per Moody’s

FMI in pressing su Truss per rivalutare il piano fiscale, rating UK a rischio per Moody’s

Il Fondo Monetario Internazionale ha incoraggiato il governo del Regno Unito a riconsiderare i massicci tagli alle tasse annunciati la scorsa settimana. Mentre l’agenzia di rating Moody’s  ha affermato che il piano fiscale potrebbe causare danni permanenti alle finanze pubbliche.

Inoltre, il FMI ha affermato che la riforma fiscale è inappropriata date le pressioni inflazionistiche che sta affrontando il Regno Unito. Di conseguenza, il pacchetto rischia di rendere la vita di Bank of England, che sta continuando ad alzare i tassi per calmierare i prezzi, più difficile. Proprio oggi la Bank of England, guidata da Andrew Baily ha annunciato gli acquisti temporanei di titoli di Stato del Regno Unito (Gilt) per calmierare il sell-off sul mercato obbligazionario. Attualmente il rendimento del Gilt decennale si trova a quota 4,12%.

Secondo Moody’s il piano Truss abbasserà la crescita economicacontraddicendo il punto di vista del Cancelliere dello Scacchiere, Kwasi Kwarteng, aumentando i tassi di interesse.
Gli avvertimenti arrivano in mezzo a movimenti drammatici dei prezzi delle attività nel Regno Unito sulla scia del “mini-budget” del governo.

La sterlina ha toccato un minimo storico contro il dollaro lunedì dopo che Kwarteng ha spazzato via le critiche alla sua visione economica e ha affermato di avere più tagli alle tasse in programma. I costi di prestito sono saltati attraverso il sistema finanziario del Regno Unito dal suo annuncio lo scorso venerdì e le banche hanno iniziato a sospendere accordi sui mutui, innescando un crollo delle vendite di case.

Bank of England annuncia acquisto titoli di Stato per calmierare il sell-off

La Bank of England sospenderà la vendita di Gilt e inizierà ad acquistare temporaneamente obbligazioni a lunga scadenza per calmare il caos del mercato scatenato dal cosiddetto “mini-budget” del nuovo governo.

In una dichiarazione, la banca centrale ha affermato che stava monitorando il “significativo repricing” degli asset britannici e globali negli ultimi giorni, che ha colpito duramente il debito pubblico del Regno Unito a lungo termine.

“Se le disfunzioni in questo mercato continuassero o peggiorassero, ci sarebbe un rischio concreto per la stabilità finanziaria del Regno Unito. Ciò comporterebbe un ingiustificato inasprimento delle condizioni di finanziamento e una riduzione del flusso di credito all’economia reale”, si legge nel comunicato di BoE.

Mentre il Fondo Monetario Internazionale ha avvertito il governo Truss: “Date le elevate pressioni inflazionistiche in molti paesi, compreso il Regno Unito, non raccomandiamo grandi e non mirati pacchetti fiscali in questo momento, poiché è importante che la politica fiscale non funziona per scopi trasversali alla politica monetaria. Inoltre, la natura delle misure del Regno Unito probabilmente aumenterà disuguaglianza.” Ha detto il portavoce del Fmi con sede a Washington, martedì in tarda serata.