Notiziario Notizie Altri paesi Europa Bce lascia porta aperta a un rialzo tassi più corposo. Lo scudo anti-spread ha un nome

Bce lascia porta aperta a un rialzo tassi più corposo. Lo scudo anti-spread ha un nome

Il nuovo strumento anti-spread a cui sta lavorando la Bce, e che dovrebbe essere presentato entro il meeting del 21 luglio, ha un nome. La misura, riporta Bloomberg, viene indicata come Transmission Protection Mechanism, anche se potrebbe cambiare nome al momento della presentazione.

In un’intervista, il governatore della Banca di Francia Francois Villeroy de Galhau ha cercato di rassicurare sul fatto che la nuova misura sarà sufficientemente ampia e agile da non dover essere effettivamente bisogno di essere utilizzata.  “È probabile che la sola esistenza di questo strumento che consente un intervento rapido e massiccio, se necessario, è sufficiente, senza bisogno di attivarlo”, ha dichiarato Villeroy al quotidiano Les Echos. In ogni caso, i verbali Bce pubblicati oggi della riunione di giugno della Banca Centrale Europea suggeriscono che la porta ad un rialzo dei tassi superiore ai 25 punti base nella prossima riunione del 21 luglio è ancora aperta, come affermano gli analisti di ING. Per quanto riguarda lo strumento anti-frammentazione (o Meccanismo di protezione della trasmissione, come verrà chiamato secondo le ultime notizie), i verbali della riunione di giugno della BCE non forniscono nuovi spunti.

Sembra piuttosto che la BCE abbia discusso in sordina questo tema e che sia stata sorpresa dai movimenti del mercato dopo la conferenza stampa, il che spiega la riunione d’emergenza organizzata in fretta e furia a meno di una settimana dalla sessione ordinaria. Per quanto riguarda l’entità del primo rialzo dei tassi, la discussione di giugno è stata più controversa. Sembra che un gruppo di membri della BCE sia favorevole a un aumento dei tassi di oltre 25 pb alla riunione di luglio. C’è stato un ampio consenso sul fatto che i rischi per l’inflazione rimangono al rialzo, anche se la BCE non ha individuato effetti di secondo impatto o spirali salariali.  Ad Amsterdam, tuttavia, l’opinione maggioritaria sembrava essere ancora quella che il primo rialzo dei tassi in undici anni dovesse “essere preparato e spiegato con cura”.

A giudicare dai commenti più recenti, la BCE sembra trarre conforto anche dalla Fed, che ha aumentato i tassi di interesse di “soli” 25 pb all’inizio dell’attuale ciclo di rialzo. L’annuncio di giugno di un possibile aumento dei tassi a settembre sembra essere quindi una soluzione di compromesso. “Tutto ciò significa che la nostra ipotesi di base di un aumento dei tassi di interesse da parte della BCE di 25 pb a luglio e di altri 50 pb a settembre rimane valida”, afferma ING. Tuttavia, con il rischio di una recessione incombente nell’eurozona e il raffreddamento dell’economia statunitense, alcuni falchi potrebbero pentirsi di aver aspettato troppo a lungo e potrebbero invece spingere per un rialzo dei tassi di 50 pb a luglio, cercando di anticipare la normalizzazione e di prevenire eventuali discussioni indesiderate a settembre sulla giustificazione o meno di rialzi (più consistenti) dei tassi.