Finanza Notizie Italia Piazza Affari ai nuovi minimi dopo stop natalizio, spread sale. Preoccupa il caso Carige

Piazza Affari ai nuovi minimi dopo stop natalizio, spread sale. Preoccupa il caso Carige

Rimane alta l’incertezza a Piazza Affari anche dopo il lungo ponte natalizio. L’indice Ftse Mib vaggia in calo di circa mezzo punto percentuale sui minimi da fine 2016 in area 18.300 punti nonostante il prepotente rally di ieri di Wall Street.

Si muovono in ribasso le banche con -2,28% per Bper e -1,32% per Intesa Sanpaolo con gli investitori che guardano ai problemi di Banca Carige dopo il no dell’assemblea all’aumento di capitale da 400 milioni di euro. Gli investitori temono un’escalation negativa per la banca ligure con la prospettiva di un destino simile a quello delle banche venete.  Il Financial Times paventa proprio questa possibilità a meno che un cavaliere bianco – il governo o un acquirente – metta in salvo l’istituto nelle prossime settimane.

Tra i segni più spiccano invece Amplifon (+4,69%) e Juventus (+2,5%) che proprio oggi debuttano sul Ftse Mib. Tra i migliori anche Salvatore Ferragamo con un balzo di oltre il 2 per cento. 

 

Sull’obbligazionario lo spread risulta in allargamento a quota 263 punti base con rendiemnto del BTP decennale risalito in area 2,89%. 

 

Wall Street tenta la riscossa

Ieri Wall Street ha messo a segno un forte rimbalzo. Il Dow Jones ha segnato la miglior seduta di sempre in termini di guadagno assoluto (+1.086,25 punti). A livello percentuale si tratta del maggior balzo dal 23 marzo 2009 per il Dow Jones così come per gli altri principali indici statunitensi: il Nasdaq ha guadagnato addirittura il 5,84% a 6.554,36 punti, mentre lo S&P 500 è salito del 4,96% a 2.476,75 punti. Il balzo di ieri arriva dopo la peggior vigilia di Natale di sempre che ha visto chiudere Wall Street sui minimi dal 2017.

A dare sprint al mercato la smentita della Casa Bianca dell’intenzione di Trump di licenziare il presidente della Fed, Jerome Powell.