Finanza Notizie Italia Pagamenti: carte di pagamento sfidano il contante, 8 italiani su 10 le utilizzano

Pagamenti: carte di pagamento sfidano il contante, 8 italiani su 10 le utilizzano

È ufficialmente partita ieri la nuova edizione, tutta online, del Salone dei pagamenti. Tre giornate (dal 4 al 6 novembre) che ruotano attorno a dieci aree tematiche tra cui il futuro dei pagamenti globali, l’e-commerce ed ecosystems, i fintech, l’open banking e cybersecurity. Ma come si comportano gli italiani nei confronti dei pagamenti? Quali sono le loro propensioni? Lo scoppio di Covid-19 ha spinto gli italiani a familiarizzare con i digital payments.  E il trend prosegue. Ad ottobre, in Italia, sono 8 su 10 gli italiani che dichiarano di utilizzare frequentemente le carte di pagamento, seguite dalle quelle contactless, che sono ormai parte delle abitudini consolidate per il 78% degli italiani. Questa una delle tendenze che emerge dalla seconda edizione della ricerca ‘Paying digital, living digital: evoluzione dello stile di vita degli italiani prima e dopo il Covid-19’ di Mastercard, realizzata in collaborazione con AstraRicerche.

Nella classifica degli strumenti di pagamento, sorprendono positivamente anche i dati relativi alla propensione di utilizzo futuro. Le carte di pagamento superano il contante e si attestano al primo posto, indicate da 79,8% degli italiani, segnando una crescita di +4% rispetto alle analisi elaborate solo qualche mese fa (giugno 2020). Le carte contactless, al secondo posto tra le preferenze degli italiani per i pagamenti futuri, raggiungono la stessa percentuale del denaro contante (68,8% vs 68,9%) e sono particolarmente apprezzate dalla fascia più giovane 15-24 anni (76%).

Le più innovative forme di pagamento mobile in questa nuova fase di normalizzazione segnano un trend in crescita: +3,2% per i pagamenti via smartphone, seguita da un +1,9% per i pagamenti via APP dedicate, soprattutto nella fascia tra i 25-34enni (59%), e un +1,8% per i pagamenti realizzati attraverso APP bancarie che riscuotono il favore di oltre 1 italiano su 5 tra i 15 e i 44 anni. Seguono i wearable, che rappresentano una soluzione di pagamento futura per 1 italiano su 3, riscuotendo un interesse in continua crescita: oltre il 33% degli italiani dichiara infatti di avere una buona consapevolezza di queste nuove soluzioni, particolarmente conosciute dalle fasce più giovani della popolazione (fascia dai 18 ai 44 anni).

“I pagamenti mobile e via app sono probabilmente quelli sui quali gli italiani hanno continuato a rivolgere più curiosità e attenzione negli ultimi mesi, avendoli sperimentati per la prima volta proprio quest’anno. Utilizzare il proprio smartphone per fare acquisti attraverso le app o in modalità NFC consente oggi più che mai di rendere il gesto del pagamento qualcosa di immediato e istantaneo, a vantaggio di una consumer experience senza interruzioni e sicura”, commenta Michele Centemero, country manager Italia di Mastercard.