Finanza Notizie Italia Cerved mette in guardia: con nuove ondate del virus 15,5% imprese a rischio default  

Cerved mette in guardia: con nuove ondate del virus 15,5% imprese a rischio default  

 

Potrebbe aggirarsi attorno al 15,5% la percentuale di imprese italiane a rischio di fallimento nel caso di nuove ondate del Covid19 con ulteriori lockdown che potrebbero durare fino a sei mesi. La probabilità di questo scenario è “bassa”, secondo gli analisti di Cerved Rating Agency, ma gli effetti potenzialmente molto pesanti: con un peggioramento così marcato dello scenario macroeconomico e un elevato rischio Paese, la probabilità di default, dunque, triplicherebbe (dal 4,9% attuale al 15,5%), con punte del 22% nelle costruzioni, del 19,1% in hotel e ristorazione, del 18,9% nei servizi.

E’ questo lo scenario a tinte fosche che emerge dallo studio “Evolution and impacts of the COVID-19 pandemic emergency on Italian non-financial corporates” condotto da Cerved Rating Agency. Un’analisi che aggiorna in senso peggiorativo la precedente, rilasciata a febbraio, in cui a rischio fallimento nel caso più drastico era un’azienda italiana su dieci.

Se si prende in considerazione lo scenario più pessimistico, lo studio mette in evidenza che i settori con la più alta probabilità di default sarebbero le costruzioni (22%), i servizi di alloggio e ristorazione (19,1%) e le attività di supporto al settore turistico (18,9%). Al contrario, quelli più resilienti, dunque con un rischio più basso, risulterebbero farmacie (6,5%), l’industria alimentare (6,8%), il commercio al dettaglio alimentare (7,9%). La percentuale potrebbe aumentare in misura maggiore per le imprese piccole (dal 10,7% al 21% per le microimprese) e meno strutturate (28% per le imprese individuali); dal punto di vista geografico, la probabilità di default è attesa in forte crescita in tutta la Penisola, con un picco del 17,8% nel Mezzogiorno (dal 9,3%).