Notiziario Notizie Italia Argentina: accordo con Fmi da 50 mld in tre anni, spazzati timori di una nuova crisi

Argentina: accordo con Fmi da 50 mld in tre anni, spazzati timori di una nuova crisi

Argentina

L‘Argentina scrive una nuova pagina della sua storia, allontanando lo spettro di una nuova crisi. Buenos Aires e il Fondo monetario internazionale (Fmi) hanno infatti trovato un accordo per piano che prevede un maxi finanziamento fino a 50 miliardi di dollari in tre anni. Ad ufficializzare l’intesa una nota dell’istituto guidato da Christine Lagarde (leggi qui).

Un mese esatto dopo la richiesta di aiuti annunciata dal presidente argentino Mauricio Macri, che in un discorso alla tv dichiarava: “In maniera preventiva, ho deciso di avviare delle discussioni con l’Fmi per una possibile linea di sostegno finanziario”. Le forti tensioni sui mercati, con la valuta argentina in picchiata, hanno spinto la banca centrale a intervenire sui tassi di interesse, portandoli al 40% (un record mondiale).

In attesa che l’accordo riceva il via libera da parte del board dell’Fmi, Lagarde ha dichiarato che l’intesa “rafforza l’economia a beneficio di tutti i cittadini argentini”. E in particolare, il sostegno finanziario dell’Fmi “contribuirà a rafforzare la fiducia del mercato, consentendo alle autorità di affrontare una serie di vulnerabilità di vecchia data”, ha dichiarato Lagarde aggiungendo che è stata accolta con favore l’intenzione delle autorità argentine di “imprimere un’accelerazione sul fronte della riduzione del deficit, tornando a un pareggio di bilancio primario entro il 2020”.

Una misura che ridurrà le esigenze di finanziamento del governo,  e collocherà il debito pubblico su una traiettoria discendente. Inoltre, come ha dichiarato il presidente Macri, potrà alleviare un fardello sulle spalle dell’Argentina. Giudicati positivamente anche gli sforzi sul fronte dell’inflazione, che viaggia ancora al 25% a/a. Secondo le stime fornite da Bloomberg il tasso d’inflazione dovrebbe attestarsi al 23,4% nel 2018, per poi rallentare al 17% nel 2019 e al 14,2 per cento nel 2020.
In particolare, Lagarde spiega che l’Fmi “approva la decisione della banca centrale di adottare obiettivi di inflazione realistici e significativi, ma anche l’impegno a mantenere un tasso di cambio flessibile e determinato dal mercato”.