Finanza Notizie Italia Aiuti alle Pmi: la Germania ha stanziato oltre 280 miliardi. In Italia appena 90 mld

Aiuti alle Pmi: la Germania ha stanziato oltre 280 miliardi. In Italia appena 90 mld

Per fronteggiare la crisi dal Covid-19, la Germania ha stanziato 284 miliardi di euro a sostegno di lavoratori, imprese, scuola, trasporti e sanità contro i 90 miliardi di euro che ha corrisposto il governo Conte dall’inizio della pandemia. I numeri sono quelli della Cgia di Mestre secondo cui il Regno Unito è intervenuto con 201 miliardi, mentre la Francia con 110 e la Spagna con 46.

“Se teniamo conto anche delle misure economiche messe a punto nei giorni scorsi dal governo francese, tra i nostri principali competitor economici presi in esame in questa comparazione solo la Spagna ha speso meno del nostro Paese. Anche in rapporto al Pil, rimaniamo penultimi, sebbene nella prima ondata di questa pandemia siamo stati il Paese più colpito d’Europa. E’ vero che avendo un debito pubblico molto elevato queste misure possiamo finanziarle solo in deficit, ma è altrettanto vero che siamo la seconda manifattura d’Europa ed essendo uno dei pilastri portanti dell’economia europea meritavamo, da parte del nostro esecutivo, molte più attenzioni, soprattutto in termini di investimenti”.

Aiuti alle Pmi: come si sono comportati i singoli paesi

Così sottolinea il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo. L’associazione fa il confronto con i vari aiuti alle Pmi nei singoli paesi. Così in Germania, con riferimento alle misure erogate alle aziende, spiccano i 100 miliardi di euro destinati all’acquisto di partecipazioni di società colpite dalla crisi e i 18 miliardi di euro destinati alle ditte individuali e alle microimprese.

Nel Regno Unito, sempre in riferimento alle misure a sostegno delle imprese, si segnalano i 15 miliardi di sterline (17 miliardi di euro al tasso di cambio medio 2019) di sovvenzioni erogati alle piccole imprese e altri 15 miliardi di sterline per il sostegno al reddito dei lavoratori autonomi.

In Francia sono stati stanziati 8 miliardi di euro di sussidi per le piccole imprese con un fatturato inferiore a 1 milione di euro che hanno perso almeno il 50 per cento dei ricavi nello scorso mese di marzo; 3 miliardi di euro per l’annullamento di tasse e contributi previdenziali per aziende e lavoratori autonomi in difficoltà; una stima di 9,3 miliardi di euro per sostenere l’industria del turismo e altri 8 miliardi di euro per sostenere il settore automobilistico.

In Italia, infine, le principali misure introdotte per le imprese hanno riguardato i contributi a fondo perduto a favore dei soggetti che hanno subito riduzioni del fatturato (7,3 miliardi di euro con i provvedimenti iniziali), la cancellazione dell’IRAP (saldo 2019 e prima rata acconto 2020 per un totale di quasi 4 miliardi di euro), i provvedimenti di rilancio del turismo/cultura (1 miliardo di euro); agevolazioni fiscali per sanificazioni/canoni-locazioni immobili strumentali per 1,7 miliardi di euro e altri 1,7 miliardi di euro previsti per il tax credit vacanze. A queste principali misure segnaliamo anche le indennità una tantum erogate ai lavoratori autonomi e le ultime risorse previste dal “decreto Ristori”.