Finanza Cos’è il Giving Pledge promosso da Gates e Buffett. Ecco i super ricchi che non hanno aderito

Cos’è il Giving Pledge promosso da Gates e Buffett. Ecco i super ricchi che non hanno aderito

Ricchi e generosi ma con chi decidono loro. Jeff Bezos si è impegnato a donare la “maggior parte” della sua fortuna di 116 miliardi di dollari nel corso della sua vita, ma quando si tratta di firmare il Giving Pledge, il fondatore di Amazon rimane in silenzio.

Il Giving Pledge, lanciato da Bill Gates e Warren Buffett nel 2010, è una campagna che incoraggia i miliardari di tutti i settori a impegnarsi a devolvere almeno la metà del loro patrimonio in beneficenza nel corso della loro vita. Si tratta di un impegno non vincolante: i suoi fondatori lo descrivono come un “impegno morale” e i critici sostengono che le sue regole poco rigide non vengono applicate. Finora è stato firmato da 236 miliardari, tra cui Gates e Buffett, oltre a Elon Musk e all’ex moglie di Bezos, MacKenzie Scott.

Ma Bezos, il cui recente annuncio ha fatto seguito ad anni di critiche per la sua relativa mancanza di donazioni filantropiche, non è l’unico miliardario a non aver firmato l’impegno. Mancano le firme di sette delle 11 persone più ricche del mondo. Ecco chi sono.

Bernard Arnault è il cofondatore e amministratore delegato del conglomerato di beni di lusso LVMH e la seconda persona più ricca del mondo, secondo Bloomberg, con un patrimonio netto di 157 miliardi di dollari. In passato, il patrimonio netto del miliardario francese si è avvicinato ai 200 miliardi di dollari. È stato più volte in cima alla lista di Bloomberg delle persone più ricche del mondo, l’ultima volta nel 2021.

Gautam Adani è il presidente e fondatore dell’Adani Group, uno dei maggiori conglomerati industriali indiani. Secondo Bloomberg, è la persona più ricca dell’India e la terza più ricca del mondo. Il suo patrimonio netto è quasi raddoppiato rispetto a questo periodo dell’anno scorso, poiché la sua azienda ha effettuato una serie di acquisizioni per espandersi in settori come il carbone e i trasporti.

Secondo una stima di Forbes, Bezos ha donato più di 2,4 miliardi di dollari nel corso della sua vita. Si è anche impegnato a distribuire un totale di 10 miliardi di dollari attraverso la sua organizzazione no-profit per il clima, il Bezos Earth Fund. Ma il miliardario ha evitato per anni le domande sul Giving Pledge, soprattutto dopo che la sua ex moglie, Scott, lo ha firmato poco dopo il loro divorzio nel 2019.

Scott è diventata una delle più celebri filantrope americane. Tra gli altri detrattori del Giving Pladge troviamo il cofondatore di Google Larry Pageche  ha dichiarato di non avere intenzione di lasciare tutto il suo patrimonio ai due figli ma non si è nemmeno impegnato a lasciare il suo patrimonio netto in beneficenza.

Mukesh Ambani, la nona persona più ricca del mondo, è il presidente di Reliance Industries, un conglomerato di energia e telecomunicazioni e la società indiana di maggior valore, recentemente nominato uno dei filantropi più generosi dell’India dal gruppo di ricerca Hurun India, dopo che, secondo quanto riferito, ha donato più di 50 milioni di dollari in beneficenza all’inizio del 2022. L’assenza di Steve Ballmer dal Giving Pledge potrebbe sorprendere: è stato uno dei primi dipendenti di Microsoft, salito al ruolo di presidente e braccio destro di Gates prima di succedere all’amico come CEO nel 2000.

Come il cofondatore di Google, Page, Sergey Brin non ha firmato il Giving Pledge. Undicesima persona più ricca del mondo, Brin non ha parlato pubblicamente di quanto intenda donare nel corso della sua vita.