Finanza Carte elettroniche, quasi tre milioni di italiani sono stati truffati

Carte elettroniche, quasi tre milioni di italiani sono stati truffati

La truffa passa dalle carte elettroniche. Oltre 2,8 milioni di italiani – in dodici messi – sono stati vittima di un raggiro, che ha colpito direttamente i loro borsellini elettronici. In questi giorni, con il Natale che si avvicina sempre di più e i vari siti e-commerce presi d’assalto, ci vuole un attimo per cadere una qualsiasi trappola.

A scattare una foto delle truffe che hanno colpito le carte elettroniche degli italiani ci ha pensato Facile.it, che ha commissionato un’indagine agli istituti mUp Research e Norstat.

Carte elettroniche, chi è caduto in trappola

Stando ai dati della ricerca commissionata da Facile.it, sono stati almeno 2,8 milioni gli italiani che sono stati truffati in dodici mesi. Il danno economico subito con le carte elettroniche, mediamente, è stato pari a 196 euro.

Una frode su tre – ossia il 37,7% dei casi – è passata attraverso un’email. Il 28,8%, invece, è passata attraverso un falso sito web. Il 26,7% delle truffe sulle carte elettroniche è stata portata a termine attraverso un sms.

Come si comportano i diretti interessati, dopo aver scoperto una frode su una delle tante carte elettroniche? Decide di non denunciare almeno il 30,8% di quanti sono caduti in trappola. Molti di questi truffati lo fanno per motivi economici (due su tre): il danno era basso o erano sicuri di non riuscire a recuperare quanto perso. L’11% delle vittime non denuncia per motivi di natura psicologica: si sentivano ingenui per esserci cascati. O avevano paura di essere scoperti dai familiari.

I truffatori delle carte elettroniche hanno delle vittime predilette: uomini (7,2% rispetto al 5,9% delle donne), appartengono ad una fascia anagrafica compresa tra i 18 ed i 24 anni (13,3%) e – a dispetto di quanto si possa immaginare – hanno un titolo di studio universitario (7,1% rispetto al 6,2% rilevato tra i non laureati).

Le regole per non essere truffati

Sono poche e semplici le regole da rispettare per non cadere in un tranello, mentre si effettuano degli acquisti su Internet. Le cinque regole di base sono le seguenti:

  • utilizzare la tecnologia per tenere sotto controllo i movimenti della carta. Si possono attivare le notifiche SMS o quelle dell’App della banca, in modo da sapere in tempo reale quando viene utilizzata la carta;
  • tenere sempre sotto controllo l’estratto conto. Analizzare sempre il riepilogo delle spese, per verificare che non ci siano delle anomalie;
  • prestare attenzione ai pagamenti non tracciati. Diffidare, nel momento in cui si effettuano degli acquisti online, metodi di pagamento con la ricarica di una carta prepagata, che è proprio la modalità scelta dai malfattori;
  • avere un buon antivirus, può fare la differenza. È possibile, in questo modo, proteggere il proprio dispositivo da intrusioni moleste. È molto importante evitare di scaricare programmi craccati o illegali perché possono rappresentare un pericolo per la sicurezza del device e, di conseguenza, per il conto corrente;
  • le carte ed i relativi Pin non devono mai essere custoditi insieme. Questa abitudine, diventa importante per evitare che, una volta sottratta, la carta di credito o il bancomat vengano usati liberamente. È sempre opportuno non tenere mai il codice di sicurezza nel portafogli insieme alla carta e, in ogni caso, di camuffarlo così da non renderlo riconoscibile.