Per gli italiani ora è il lavoro flessibile il nuovo sogno

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Valeria Panigada

3 maggio 2019 - 14:27

MILANO (Finanza.com)

Altro che salari alti e un ufficio tutto per sé, oggi tra le principali esigenze dei lavoratori italiani c'è la flessibilità. Un aspetto che fino a qualche anno fa riceveva ben poche preferenze. E' ciò che emerge dall'ultimo studio condotto dalla Global Workspace Survey di IWG.

Ma cosa si intende con lavoro flessibile?
Con l'espressione lavoro flessibile si indica la modalità di lavoro che permette ai dipendenti di adattare parzialmente la giornata lavorativa ai propri impegni personali. "Godere di una certa flessibilità - spiega Carola Adami, amministratore delegato di Adami & Associati - significa dunque poter lavorare all'infuori dei tipici orari di lavoro e lontano dalla sede aziendale, attività che ovviamente vengono incentivate dalle nuove tecnologie".

Rispetto ad altri Paesi, però, l'Italia continua a essere piuttosto perplessa nei confronti del lavoro flessibile. Da parte loro, i dipendenti italiani non hanno dubbi: l'86% degli intervistati afferma che privilegerebbe certamente un'offerta di lavoro che contempli la flessibilità di fronte a un'altra similare ma senza quest'ultima caratteristica. A frenare sarebbero le imprese: stando al 73% degli intervistati, l'implementazione di politiche volte alla flessibilità viene rallentata proprio dalla mentalità tradizionalista dei vertici aziendali. Molte realtà temono ancora che una maggiore flessibilità possa intaccare la produzione, e ancora di più la cultura aziendale.

Il fenomeno, però, è ormai diffuso, e anche le ultime resistenze sono destinate a cedere: per il 70% dei rispondenti il lavoro flessibile rappresenta la normalità, laddove più del 50% degli intervistati spiega di lavorare lontano dalla sede aziendale per almeno metà delle ore settimanali. E ancora: l'86% dichiara comunque di lavorare in aziende che hanno già adottato politiche di flessibilità o che sono in procinto di farlo.

Il futuro, dunque, sembra tracciato. Le aziende che intendono attirare i migliori talenti dovrebbero mettere in conto, accanto all'offerta di posizioni di prestigio e alla possibilità di avanzamento di carriera, anche la predisposizione di una sempre maggiore flessibilità.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Annunci pubblicitari

Calcolatori

calcolatori auto fondi obbligazioni casa Rata mutuo

Ultime dai Blog

Sondaggi

Dove sarà l'indice Ftse Mib a fine 2019?
Molto superiore ai livelli attuali (18.760)
Molto al di sotto ai livelli attuali
Agli stessi livelli
Di poco superiore ai livelli attuali
Di poco inferiore ai livelli attuali

Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: [email protected]