News Notiziario Notizie Italia Piazza Affari galvanizzata da inflazione Usa, balzo di Stm ed Enel

Piazza Affari galvanizzata da inflazione Usa, balzo di Stm ed Enel

Giovedì euforico per Piazza Affari che allunga la striscia di rialzi delle ultime sedute aggiornando i massimi a oltre 5 mesi. L’indice Ftse Mib segna in chiusura un +2,58% a 24.394,28 punti. Oggi riflettori l’inflazione statunitense, risultata in ulteriore rallentamento a ottobre. L’indice prezzi al consumo USA è rallentato a ottobre a +7,7% a/a da 8,2% (consensus era 7,9%), mentre l’inflazione core rallenta da 6,6% al 6,3% (consensus era 6,5%). Riscontri che alimentano le speranze di una fine anticipata dell’attuale ciclo di aumenti dei tassi di interesse da parte della Fed.

Reazione positiva al calo delle pressioni inflattive soprattutto per i titoli tech (+9,6% Nexi e +7,9% Stm ) e le utility (+4% Enel, +3,1% Terna e +4,7% A2A). Sul parterre di Piazza Affari si segnala il rialzo di Poste Italiane (+4,3%) che nei primi 9 mesi dell’anno ha visto l’utile netto balzare del 21,4% a 1,4 mld.

Exploit oggi anche per TIM (+5,2%) sulla scia dei conti del 3° trimestre 2022. Il gruppo guidato da Pietro Labriola nel trimestre ha visto i ricavi da servizio attestarsi a €3,7 mld, in aumento del 3% rispetto a quanto realizzato nel medesimo periodo del 2021 e battendo le stime degli analisti che per il 3° trimestre stimavano un valore a €3,67 mld. L’Ebitda organico per il gruppo si è attestato a quota 4,5 miliardi di euro nei primi nove mesi, mentre migliora il trend su base trimestrale. La società segnala di aver raggiunto il 90% dei target di contenimento dei costi per l’intero 2022. Confermate le stime per il 2022 presentate in occasione dei risultati semestrali.

Positiva anche Snam (+2%) che ha riportato un utile netto adjusted di gruppo di 932 milioni di euro (-0,6%) nei primi 9 mesi 2022 e confermato la guidance sull’utile netto 2022 ad almeno 1,13 miliardi di euro.

Tra i segni meno troviamo i titoli petroliferi come Saipem (-3,4%) e Tenaris (-4,1%).