News Notiziario Notizie Altri paesi Europa Gas ai minimi di quattro settimane: Ue rassicura acquirenti per i pagamenti alla Russia

Gas ai minimi di quattro settimane: Ue rassicura acquirenti per i pagamenti alla Russia

Futures europei del gas naturale ai minimi di quattro settimane, dopo che l’Unione Europea ha dichiarato che le aziende possono continuare a importare le forniture russe senza violare le sanzioni.

La Commissione Europea ha inviato la scorsa settimana le sue linee guida riviste agli Stati membri, sottolineando che “la procedura di pagamento prevista dal decreto russo del 31 marzo violerebbe le sanzioni Ue, ma ci sono opzioni disponibili per le aziende per continuare a pagare il gas in euro o dollari in linea con i contratti concordati”. Lo sottolinea un portavoce della Commissione Ue precisando che gli operatori dovrebbero dichiarare chiaramente che intendono adempiere ai propri obblighi derivanti dai contratti esistenti e considerarli adempiuti pagando in euro o dollari. L’annuncio facilita una situazione di stallo che dura da settimane tra l’UE e la Russia per le forniture energetiche. Mosca ha chiesto che i pagamenti venissero effettuati in rubli e che gli acquirenti aprissero due conti presso la Gazprombank per poter effettuare il cambio di valuta. Le aziende europee temevano che ciò potesse violare le sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina. Le spedizioni di gas naturale russo verso l’Europa attraverso l’Ucraina rimarranno bloccate. Tuttavia, anche le importazioni di gas naturale liquefatto da parte dell’UE e il clima più caldo con l’avvicinarsi dell’estate hanno contribuito alla tendenza al ribasso dei prezzi.

“I prezzi europei del gas si sono scrollati di dosso l’escalation delle tensioni geopolitiche”, ha dichiarato in una nota Biraj Borkhataria, direttore associato della ricerca europea presso RBC Capital Markets. “Nonostante i flussi russi abbiano fatto un altro passo indietro nelle ultime settimane, le quantità record di importazioni di GNL nel continente hanno riportato lo stoccaggio a livelli più ‘confortevoli'”.