News Notiziario Notizie Altri paesi Europa Commissione Ue avverte: “rischi rimangono elevati e dipendono dalla guerra”

Commissione Ue avverte: “rischi rimangono elevati e dipendono dalla guerra”

I rischi per le previsioni riguardanti l’attività economica e l’inflazione dipendono fortemente dall’evoluzione della guerra e, in particolare, dalle sue implicazioni per l’approvvigionamento di gas in Europa. Nuovi aumenti dei prezzi del gas potrebbero far aumentare ulteriormente l’inflazione e frenare la crescita. Questo l’avvertimento che lancia oggi la Commissione europea, presentando le previsioni estive 2022.

“Gli effetti di secondo impatto potrebbero a loro volta amplificare le spinte inflazionistiche e determinare un inasprimento più severo delle condizioni finanziarie che non solo peserebbe sulla crescita, ma comporterebbe anche maggiori rischi per la stabilità finanziaria – spiegano da Bruxelles -. Non si può escludere che la recrudescenza della pandemia nell’UE provochi nuove perturbazioni dell’economia”.

La Commissione Ue precisa però che le recenti tendenze al ribasso dei prezzi del petrolio e di altre materie prime potrebbero intensificarsi, determinando un calo dell’inflazione più rapido di quanto attualmente previsto. Inoltre, grazie a un mercato del lavoro forte, i consumi privati potrebbero rivelarsi più resilienti all’aumento dei prezzi se le famiglie utilizzassero maggiormente il risparmio accumulato.