News Finanza Notizie Italia Codacons: arriva la stangata d’autunno, +1.480 euro a famiglia tra prezzi e tariffe

Codacons: arriva la stangata d’autunno, +1.480 euro a famiglia tra prezzi e tariffe

Ottobre è arrivato e una nuova stangata attende i consumatori italiani, con una maggiore spesa che, a prezzi costanti, si attesterà sui 1.480 euro a famiglia. E’ il conto del Codacons, che diffonde oggi una elaborazione sugli effetti degli ultimi rincari di prezzi e tariffe per le tasche degli italiani. “L’autunno porta con se una raffica di aumenti per le famiglie italiane – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ieri l’Istat ha confermato il forte rialzo dell’inflazione che a settembre sale al +2,6%, mentre oggi scattano gli aumenti delle bollette luce e gas, che salgono rispettivamente del +29,8% e +14,4%. A tali incrementi vanno aggiunti i maggiori costi per i rifornimenti di carburante, con benzina e gasolio che costano oggi oltre il 20% rispetto allo scorso anno”.

Una ondata di rincari che, per il Codacons, costerà in media 1.481 euro a famiglia.

Nel dettaglio, per una famiglia “tipo” l’incremento dei prezzi al dettaglio produce, a parità di consumi, una maggiore spesa su base annua pari a complessivi +799 euro a famiglia, di cui +242 euro per i servizi relativi ai trasporti (in aumento del +7% sul 2020), +72 euro per l’acquisto di prodotti alimentari (+1,3%), +44 euro la ristorazione +2,8%). Fare il pieno di carburante alle automobili costa oggi +344 euro all’anno a famiglia rispetto al 2020 (+20,6%), mentre per la bolletta della luce, a causa dei rincari delle tariffe che scattano oggi, occorre mettere in conto una maggiore spesa annua pari a +183 euro, +155 euro per il gas.

Una mazzata da complessivi 1.481 euro a famiglia solo per prezzi e tariffe, che non tiene conto delle spese sostenute a settembre per il comparto scuola, con l’acquisto di corredo scolastico, libri di testo e accessori che può raggiungere quota 1.200 euro a studente.

“Si può parlare a tutti gli effetti di stangata d’autunno per gli italiani, che rischia di avere conseguenze pesanti non solo per i consumatori, ma per l’intera economia – spiega il presidente Rienzi – Le famiglie reagiranno infatti ai rincari riducendo i consumi, in un momento in cui per la ripresa economica del paese la spesa andrebbe sostenuta e incentivata. Per tale motivo rivolgiamo un appello al Governo Draghi, affinché non si limiti ad intervenire solo sulle tariffe di luce e gas ma adotti misure per detassare i carburanti e contenere la crescita dei prezzi e delle tariffe nei vari settori”.