Oro: debolezza permane con notizie vaccini, ma resta "supporto attività accomodante banche centrali"

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

19 novembre 2020 - 10:48

MILANO (Finanza.com)

L'oro non abbandona nemmeno oggi, di fronte alla debolezza dei listini europei, la strada dei ribassi. "Negli ultimi giorni, gli aggiornamenti sui vaccini anti-Covid hanno spinto le borse al rialzo e quella generale propensione al rischio ha colpito il prezzo dell'oro, generando un notevole calo la scorsa settimana - sottolinea Carlo Alberto De Casa, capo analista di ActivTrades -. Ieri, ancora una volta, in seguito alla notizia della maggiore efficacia del vaccino della Pfizer di quanto prima annunciato (95% piuttosto che 90%), il lingotto ha perso l'1%".

Finora il prezzo è riuscito a rimanere nella fascia di trading laterale degli ultimi mesi tra 1.850 e 2.070 dollari l'oncia. De Casa ricorda che "siamo solo pochi dollari sopra il limite inferiore di questo canale e un calo al di sotto di questo livello potrebbe essere visto come un segnale negativo. Gli investitori, comunque, dovrebbero ricordare la forte attività accomodante delle banche centrali, che durerà a lungo e potrebbe essere di supporto per il metallo giallo".

Tutte le notizie su: oro

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967