Delusione PIL Usa, ma consumi volano. Scenario base rimane tapering entro fine anno (analisti)

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

29 luglio 2021 - 16:05


MILANO (Finanza.com)

Delusione oggi dagli Stati Uniti con il Pil Usa cresciuto 'solo' del 6,5% annualizzato nel 2° trimestre contro il +8,4% atteso. I consumi, tuttavia, sono stati ancora una volta estremamente robusti all'11,8% annualizzato. Sul versante negativo, gli investimenti sono diminuiti del 3,5%, guidati dagli investimenti residenziali (-9,8%, poiché i prezzi elevati hanno molto probabilmente scoraggiato la spesa per le abitazioni. Le scorte (-1,13 p.p.) e le esportazioni nette (-0,44 p.p.) hanno ridotto il dato complessivo della crescita trimestrale, così come la spesa pubblica (-0,27 p.p.).

"Nel complesso- rimarca Christian Scherrmann, DWS U.S. Economist - la delusione di oggi dovrebbe essere presa con una certa cautela, poiché il consumo rimane molto forte nel secondo trimestre e ci aspettiamo che la ripresa proceda ulteriormente guardando avanti. In linea con questo, ci aspettiamo che altre variabili economiche, come ad esempio le variabili del mercato del lavoro, recuperino terreno nei prossimi mesi". "Questo dovrebbe costituire la base perché la Fed consideri una graduale riduzione delle misure di accomodamento monetario entro la fine di quest'anno", conclude Scherrmann.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967