Piazza Affari si accoda a sprint di Wall Street. In volata Unicredit, Stellantis e Intesa

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Titta Ferraro

22 settembre 2021 - 17:43


MILANO (Finanza.com)

Nuova prova di forza di Piazza Affari che dà seguito al rimbalzo della vigilia grazie anche al rally di Wall Street con tutti gli indici USA in rialzo di oltre l'1% in attesa della Fed.

Il Ftse Mib ha chiuso a +1,44% a 25.654 punti. A dare respiro ai mercati l'annuncio dello sviluppatore immobiliare cinese Evergrande che pagherà regolarmente domani una cedola sulle sue obbligazioni. Salgono intanto le attese per l'annuncio Fed di stasera con gli investitori che puntano su uno scenario 'wait and see'. La Fed potrebbe annunciare il tapering, ma molto dipenderà dal timing, ossia da quando la Fed inizierà effettivamente a ridurre gli acquisti e quanto tempo passerà prima di azzerarli.

In spolvero sul parterre milanese i titoli oil con +2,64% per ENI e +5,2% Tenaris, miglior titolo di tutto il Ftse Mib. Continua a acorrere anche Saipem (+1,53%)% dopo che ieri il titolo ha chiuso con un aumento di oltre il 3%). La società ha annunciato un MoU con Saudi Aramco per una potenziale NewCo per la creazione di un campione nazionale EPC sulla capacità di costruzione in quattro settori chiave: sostenibilità, tecnologia, materiali industriali e avanzati. Saipem ha inoltre anticipato la data di pubblicazione dei risultati terzo trimestre al 28 ottobre e contestualmente terrà il proprio Capital Market Day per presentare il nuovo piano strategico.

Tra le banche scatto a +3,52% di Unicredit, seguita da Intesa Sanpaolo a +2,2%. Tra le big milanesi si è mossa molto bene anche Stellantis (+3,24% a 16,55 euro).

In deciso rialzo anche CNH Industrial (+3,24%) nonostante le indicazioni arrivate da Traton che ha anticipato volumi inferiori alle attese nel terzo e quarto trimestre a causa dello shortage di chip e anche di numerose altre componenti. In particolare, da fine agosto ha subito una riduzione dei volumi di vendita di tutti i marchi. Adesso Traton si aspetta che i volumi di vendita del terzo trimestre siano significativamente inferiori al previsto e il quarto trimestre abbia un’evoluzione simile.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967