Pil Italia ancora in contrazione (-0,4%) dopo crollo del 2020, doccia gelata su speranze di rapida ripresa

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

30 aprile 2021 - 12:48

MILANO (Finanza.com)

Doccia gelata sulle speranze di un pronto recupero dell’Italia dopo la stangata del coronavirus nel 2020. Nel primo trimestre 2021 il Pil non aumenta, ma accusa anzi un calo dello 0,4% sul trimestre precedente. Il risultato, diffuso oggi dall'Istat, risente degli effetti economici delle misure adottate per contenere i contagi. In un quadro, che rimane ancora debole nell'intera Eurozona (Pil -0,6% nel primo trimestre) soprattutto se confrontato con gli Stati Uniti che invece hanno galoppando. Il Pil americano è balzato in avanti del 6,4% nei primi tre mesi dell'anno, grazie ai maxi piani di stimolo approvati dal governo e già all'opera. Qui, a un anno di distanza dallo scoppio dell'emergenza, si sta ancora aspettando il Recovery Fund dell'Unione europea.

Ma torniano ai dati, che vengono analizzati dal Centro Studi Promotor. Nello scorso anno, dopo un calo del 5,6% nel primo trimestre e del 12,9% nel secondo trimestre si era avuto un recupero del 15,8% nel terzo trimestre, ma nel quarto trimestre vi è stato un nuovo calo dell’1,8%. A questo dato negativo segue ora il calo dello 0,4% di cui si è detto, che è il secondo calo consecutivo trimestrale e indica quindi che il rimbalzo del terzo trimestre 2020 si è già esaurito e che la recessione continua.

L’Italia nell’intero 2020 aveva accusato un calo più consistente (-8,9%) di quello degli altri grandi paesi dell’Unione Europea. In Francia il calo era stato infatti dell’8,1% e in Germania del 4,9%. La contrazione del primo trimestre di quest’anno getta dunque un’ombra sinistra sulla prospettiva di un pronto rimbalzo dell’economia italiana dopo il crollo del 2020. E questa situazione diventa ancora più preoccupante se si considera che, prima della crisi da Coronavirus, cioè nel 2019 (dopo una lunga stagnazione), l’Italia, a differenza di tutti i suoi principali competitors in Europa e nel mondo, accusava ancora un calo del 3,9% sul 2007, che è l’anno che ha preceduto la penultima grande crisi mondiale, quella innescata dai mutui subprime e dal fallimento di Lehmann Brothers.

"In questa situazione – sostiene Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor – non si può non segnalare che l’Unione Europea e l’Italia stanno affrontando l’impatto economico della pandemia con grande lentezza (del Recovery Plan si parla da un anno e di concreto non si è ancora visto nulla), mentre in altre realtà, ed in particolare negli Stati Uniti, i tempi di reazione sono incomparabilmente più brevi e l’entità delle risorse messe in campo è incomparabilmente più elevata".

Tutte le notizie su: pil italia

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967