Brasile: nonostante il downgrade di S&P ci sono ancora occasioni sul mercato obbligazionario per BNY Mellon

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Massimiliano Volpe

2 ottobre 2015 - 08:55

MILANO (Finanza.com)


Il recente downgrade del Brasile da parte di S&P ha rinnovato i timori degli investitori circa le prospettive per il Paese.  

Le riforme necessarie per rivitalizzare l’economia

"L’economia del Brasile è in recessione e prevediamo una contrazione del Pil reale del 2,3% nel 2015 e dello 0,5% nel 2016, con un livello di inflazione superiore al 9% (rispetto all’obiettivo del 4,5%). Il recente downgrade del Brasile evidenzia il rapido deterioramento della situazione fiscale del Paese in meno di due mesi, e conferma implicitamente il fatto che la classe politica sia stata sinora incapace di introdurre riforme strutturali. Le dinamiche del debito suggeriscono un peggioramento del deficit e l’outlook di S&P, così come il nostro, non lascia spazio a miglioramenti nel prossimo futuro. Non vogliamo dire, con questo, che la situazione in Brasile sia senza speranza: il downgrade può mettere sotto pressione i politici e spingerli ad approvare le riforme necessarie per migliorare l’economia locale” ha precisato Javier Murcio, direttore mercati emergenti di Standish Mellon Asset Management (gruppo BNY Mellon).

Un outlook più roseo per il Brasile

"Riteniamo che il downgrade del Paese sia stato determinato dall’ammissione del ministro delle finanze brasiliano circa il mancato raggiungimento dell’obiettivo di avanzo primario, che comporta una traiettoria di indebitamento pubblico più elevata per il Paese. Tuttavia il governo resta solvente, e abbiamo poche preoccupazioni circa la sua capacità di saldare i debiti. Ci sono emissioni in valute locali che offrono rendimenti reali attraenti e buona liquidità. Inoltre non sono soggette al downgrade di S&P, che riguarda solo il debito in divise estere, e pertanto mantengono un rating investment grade”, conclude Carl Shepherd, gestore specializzato in debito emergente presso Newton Investment Management (gruppo BNY Mellon).



Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it