Settore farmaceutico tra elezioni USA e corsa al vaccino: ecco la view di GAM  

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

28 settembre 2020 - 12:05

MILANO (Finanza.com)

Manca poco più di un mese alle elezioni presidenziali statunitensi del 3 novembre. Il tutto mentre si guarda all’evoluzione della pandemia da coronavirus nel mondo, soprattutto in Europa. Due temi a cui guardano con attenzione anche i mercati. Christophe Eggmann, Investment Director e Responsabile del fondo GAM Health Innovation Equity di GAM Investments, ha analizzato il settore farmaceutico Usa prendendo in considerazione l’impatto delle elezioni americane con un focus sugli ultimi sviluppi dei vaccini contro il coronavirus.


Dal punto di vista del mercato, spiega Christophe Eggmann, le notizie di potenziali vaccini sono positive, ma  per quanto riguarda il settore sanitario l’impatto è stato minimo. "Da aprile ad agosto il settore ha sottoperformato in modo significativo, con un ritardo del 14% rispetto all'S&P 500 - aggiungono -. Gli investitori hanno investito ingenti somme di denaro in settori tecnologici e ciclici in previsione di una ripresa economica e la sanità non rientra in queste categorie. Anche le speculazioni sull'esito delle elezioni americane (presidenziali, del Congresso e dello Stato) pesano sul sentiment".


Mentre i titoli dei giornali si concentrano sulla corsa alla Casa Bianca, la composizione del Congresso ha conseguenze molto più significative per l'industria farmaceutica. Gli esperti di GAM ritengono che il miglior risultato per il settore, anche se improbabile, sia un Congresso (Camera e Senato) controllato dai Repubblicani con Biden come presidente. "Questo porterebbe ad uno stallo, con probabili benefici per l'industria", aggiunge Eggmann indicando come "scenario peggiore" quello di entrambe le camere del Congresso controllate dai Democratici, sempre con Biden come presidente. Un tale risultato significherebbe probabilmente un aumento delle tasse sull'industria farmaceutica. Naturalmente ci sono diversi potenziali risultati intermedi, tra cui la continuazione di un Congresso diviso, che consideriamo gestibile.


Tornando ai vaccini, lo sviluppo sta progredendo rapidamente: quelli basati su acidi nucleici sono attualmente in prima posizione. Dal punto di vista tecnologico, i vaccini basati su acidi nucleici sono stati studiati per diversi decenni e sono attivamente studiati sia in cardiologia che in oncologia, dove si sta esplorando l'uso di questi vaccini sperimentali per trattare tumori e malattie cardiache.


GAM si concentra  poi sui titoli, indicando come 'leader nella corsa ai vaccini' Moderna, Pfizer (BioNTECH) e AstraZeneca (Università di Oxford). "Tutti e tre i programmi - spiegano gli esperti - sono passati attraverso la fase uno e la fase due degli studi clinici senza che siano state sollevate preoccupazioni in termini di sicurezza o di efficacia. Ora sono passati alla fase tre, ognuna delle quali mira a coinvolgere 30.000 persone". Queste sperimentazioni sono guidate da eventi, il che significa che si fermeranno al raggiungimento di determinate tappe, piuttosto che fermarsi a un momento prestabilito. Tenendo presente che ogni sperimentazione si sta svolgendo in paesi con alti tassi di infezione, vedremo probabilmente i dati emersi da questi studi molto presto. Molti paesi hanno iniziato a preordinare i vaccini, e si stima che il numero di preordini si aggiri intorno ai cinque miliardi.


Nella sua nota GAM rimarca che "indipendentemente dal vaccino che vincerà la gara, o dal canale di approvazione utilizzato, né i dati né l'approvazione si tradurranno in un accesso immediato per la popolazione generale. Le sfide della produzione, della distribuzione e dell'amministrazione vedranno l'avvio sequenziale di roll-out, con la priorità che andrà sicuramente a operatori sanitari ad alto rischio e in prima linea".


 


 


 

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


www.finanza.com è gestito e mantenuto da T-Mediahouse s.r.l, Società sottoposta ad attività di direzione e coordinamento di Triboo S.p.A.
Sede legale e operativa: Viale Sarca 336, Edificio 16, 20126 Milano (MI), P. IVA, C.F. e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano-Monza-Brianza-Lodi 06933670967