Mercati e sostenibilità del rally azionario: perchè considerare valutazioni, utili e stime economiche

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

3 dicembre 2020 - 15:41

MILANO (Finanza.com)

 


Il rally del mercato azionario ha basi solide? Questo uno degli interrogativi che aleggia sui mercati, soprattutto dopo il brillante mese di novembre. Una corsa, quella del mese appena concluso, sostenuta dalla vittoria alle presidenziali Usa da parte del democratico Joe Biden e dal susseguirsi di notizie positive sul fronte vaccini. 


"Vi sono molte ragioni per interrogarsi sulla sostenibilità del rally azionario", ammette James Athey, investment director di Aberdeen Standard Investments, che indica in primo luogo le valutazioni. "La storia dimostra che se si acquistano azioni alle valutazioni correnti si ha un alto grado di certezza che il ritorno a lungo termine che ne deriverà sarà basso o negativo, sia in termini nominali sia reali - spiega l'esperto -.  Le valutazioni non contano nel breve termine, ma nel lungo termine sono l'unica cosa importante. L'idea che i tassi bassi da soli giustifichino valutazioni più elevate è errata".


James Athey spiega che non ha avuto importanza né in Europa né in Giappone per molti anni e rappresenta invece solo un assunto conseguente a un mercato guidato da un sentimento maniacale e di speranza. Se i tassi sono bassi perché le prospettive di crescita sono deboli, allora non vi è alcuna giustificazione per multipli più alti al di là di un sistema di semplicistico valutazione incrociata delle azioni rispetto alle obbligazioni. Il problema è che le obbligazioni hanno cedole fisse e bassa volatilità. Le azioni non hanno né l'uno né l'altro e quindi il confronto tra queste due asset class non ha senso.


Nell'analisi di Aberdeen Standard Investments anche gli utili sono motivo di cautela. I dati del Bureau of Economic Analysis, spiega l'esperto, mostrano che negli Stati Uniti la profittabilità delle società ha registrato movimenti laterali dal 2012 e sia di fatto più bassa dal 2014. Quello che abbiamo osservato è invece un sostegno agli utili tramite aggiustamenti pro forma e swap azionari, dato che le aziende hanno emesso obbligazioni per riacquistare azioni. Questo è stato ottimo per la remunerazione del management, ma ha penalizzato le società in termini di indebitamento e capacità produttiva.


Infine, le prospettive economiche stesse. "Il periodo di riapertura meccanica dell'economia è ormai passato, ma sotto questa narrativa ciclica si nasconde un problema strutturale - suggerisce l'analisi sul mercato azionario -. L'economia era debole, squilibrata e fragile già molto prima che si sentisse parlare di Covid. L'eccessiva dipendenza dal debito, la stridente ineguaglianza, la concentrazione dell'industria e una politica monetaria sempre più sperimentale e dannosa avevano già reso l'economia fragile e inefficiente. Da marzo, tutto quello che è successo ha causato un ulteriore accumulo di debito per mascherare l'impatto della pandemia.  A un certo punto il conto dovrà essere pagato".

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967