Ubi Pramerica: via al collocamento di una nuova sicav legata a progetto sociale

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

23 novembre 2016 - 18:39

MILANO (Finanza.com)

Ubi Pramerica ha avviato il collocamento di una nuova classe del comparto etico bilanciato obbligazionario Ubi Sicav Social 4 Future. La nuova classe 1 sarà disponibile dal 23 novembre al 12 dicembre 2016 presso gli sportelli del Gruppo Ubi Banca e prevede la devoluzione del 4% delle commissioni di avviamento al termine del periodo di collocamento e del 4% delle commissioni di gestione maturate nel 2017 al progetto "Costruire Integrazione” dell’Associazione Centro Astalli. Il progetto ha l’obiettivo di facilitare il complesso percorso di integrazione dei migranti forzati nel territorio italiano, principalmente attraverso percorsi di accoglienza diffusa, servizio di accompagnamento legale, corsi di lingue e un potenziamento del servizio mensa, e coinvolgerà circa 1.000 richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale e umanitaria.


Ubi Sicav Social 4 Future Classe 1 rappresenta una soluzione interessante per gli investitori con profilo di rischio medio che vogliono cogliere le migliori opportunità di rendimento presenti sui mercati globali, seguendo principi di eticità e responsabilità sociale nella selezione delle società in cui investire. In particolare la componente obbligazionaria (che può arrivare anche al 100% del portafoglio) investe in strumenti emessi da società che si distinguono per performance sociali ed ambientali di rilievo. La componente azionaria (che può pesare fino al 30% del portafoglio) investe in strumenti finanziari delle migliori 100 società direttamente coinvolte nei principali “megatrend” che impattano maggiormente sul futuro del pianeta come scarsità delle risorse, cambiamenti climatici, dinamiche della popolazione e mercati emergenti. Lo strumento prevede, inoltre, un flusso cedolare annuale con la prima cedola predeterminata (pari all’1%del valore iniziale con stacco a marzo 2018) e cedole variabili per i successivi quattro anni in caso di performance positiva del comparto rispetto al valore iniziale.


 

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it