Promotori finanziari: al 30 giugno le masse di IWBank Private Investments salgono a 12,8 mld

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Massimiliano Volpe

5 agosto 2015 - 09:12

MILANO (Finanza.com)


I conti del primo semestre della banca, operativa dal 25 maggio 2015 a seguito dell’incorporazione di IWBank in UBI Banca Private Investment, hanno evidenziato una perdita pari a 2 milioni di euro. secondo la nota della società tale risultato risente della presenza di oneri non ricorrenti (pari a circa 7,6 mln netti), riferiti alla realizzazione dell’operazione straordinaria, alla contestuale migrazione dei sistemi informatici e agli incentivi all’esodo del personale dipendente. Al netto di tali componenti non ricorrenti, l’utile netto si è attestato a 5,6 milioni di euro (in riduzione del 27% rispetto all’anno precedente).

Per quanto concerne i principali aggregati economici, si evidenzia una contrazione dei proventi operativi del 5,2% a 52,5 milioni per effetto principalmente della riduzione del margine di interesse (passato da 22,5 a 18,9 milioni), parzialmente compensata dalla crescita delle commissioni nette del 4,6% salite da 31 mln a 32,4 mln, grazie alla positiva performance del risparmio gestito e assicurativo. Prosegue il percorso di riduzione degli oneri operativi, in decremento dell’1,8% rispetto all’anno precedente e scesi (al netto degli incentivi all’esodo e dei costi di integrazione) da 41,6 milioni 40,8 mln.

"La nostra prima semestrale riflette l’importanza degli investimenti che stiamo realizzando per sviluppare la nuova banca e consolidarne il modello di servizio basato su innovazione, tecnologia e una piattaforma di prodotti e servizi di investimento solida, affidabile e orientata al cliente” commenta Andrea Pennacchia, direttore generale di IWBank Private Investments. "In un contesto caratterizzato da tassi di interesse straordinariamente bassi e da una significativa volatilità dei mercati, i conti riflettono anche la positiva azione commerciale, resa evidente dalla crescita delle masse, salite da inizio anno del 5,9% a 12,8 mld, e il positivo andamento delle commissioni.” 



Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it