Mercati obbligazionari: l’impatto del qe sui bond, l’analisi di Axa Im

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

7 ottobre 2016 - 10:24

MILANO (Finanza.com)

Scenario. Una delle principali implicazioni del quantitative easing per i mercati obbligazionari è stato l’impatto sui prezzi delle obbligazioni di più alta qualità. Gli investitori pagano un costo (in termini di rendimento ridotto) per avere in portafoglio strumenti più sicuri. Ma vengono spinti lungo la curva di credito, e col passare del tempo le fasce di rating diventano sempre più costose, una dopo l’altra. È successo in maniera diffusa nei mercati investment grade, soprattutto in Europa dove il quantitative easing prosegue, mentre nei segmenti high yield a più basso rating ci sono ancora evidenti differenze in termini di premi per il rischio.
Secondo Axa Im per ottenere rendimento, occorre andare più avanti lungo la curva di credito nella speranza che l’effetto a cascata sul portafoglio derivante dal quantitative easing prolunghi ed estenda la compressione della qualità del credito. Affinché il credito in generale continui a generare performance positive, sono gli strumenti più simili al credito che devono produrre rendimento.


Portafogli. Recentemente Axa Im ha segnalato anche un appiattimento dei rendimenti delle obbligazioni globali. Le cose non sono cambiate. Anzi, i rischi sono in aumento. Il mese di settembre è stato caratterizzato da andamenti contrastanti. Le obbligazioni societarie e i titoli di Stato high grade sono tra stabili e in calo, lo stesso vale per l’high yield, mentre le obbligazioni indicizzate all’inflazione hanno sovraperformato.
Potrebbe essere un segnale d’allerta, i mercati potrebbero iniziare a convincersi di un’inversione nel ciclo dell’inflazione.
Secondo Axa Im ci vuole più prudenza nel reddito fisso: occorre limitare l’esposizione sulla duration per il rischio di un rialzo dei tassi, ridurre il beta sui titoli di credito di alta qualità dove gli spread sono compressi tra le fasce AAA e BBB, mantenendo però in parte l’esposizione sull’high yield e sui mercati emergenti dove gli spread potrebbero scendere ancora. Questa fase comunque dipende più dal momentum e dai fattori tecnici, e questa prospettiva manca in ogni modo di convinzione. Secondo Axa Im ci troviamo in una fase avanzata del ciclo economico e i tassi sono stati estremamente favorevoli per diverso tempo. I fondamentali di credito probabilmente non miglioreranno molto, a meno che non assisteremo a un incremento molto rapido della crescita dei ricavi, e anche in tal caso, saremmo comunque preoccupati per una ripresa dell’indebitamento.
Per Axa Im forse siamo tornati ad una strategia a bilanciere ovvero short duration sul segmento high yield con rating più bassi abbinata ad una copertura del rischio di una eventuale flight to quality mediante Treasury a lunga scadenza.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it