Rimbalzo economico nel 2021: le aspettative sono ancora valide? La view di Mirabaud AM    

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Redazione Finanza

26 marzo 2021 - 15:57

MILANO (Finanza.com)

La settimana dei mercati finanziari si è aperta con le notizie di nuovi e ulteriori lockdown in Europa, mentre in Usa ci sono alcuni segnali di una ricomparsa del virus in diversi stati. L'interrogativo che si pone Andrew Lake, Head of Global Fixed Income di Mirabaud AM è uno: le aspettative sulle riaperture e sul conseguente rimbalzo economico sono ancora valide per il 2021? A detta dell'esperto, le tempistiche possono essere diventate meno certe, ma gli investitori stanno ancora prezzando quella che sembra essere una riapertura inevitabile. Se l'Europa accelererà la campagna vaccinale, ci sono tutte le ragioni per sperare che tra qualche mese la situazione sia migliore.


Nella sua analisi Mirabaud sottolinea che gli Stati Uniti sono di nuovo in testa rispetto agli altri Paesi. I movimenti dei Treasuries questa settimana sembrano riflettere questo ottimismo. Una settimana fa i titoli del Tesoro USA a 10 anni registravano 20 punti base in meno e con un enorme pacchetto di stimoli pronto a partire e una Federal Reserve molto accomodante, possiamo capire perché l'ottimismo pervada i mercati finanziari, con aspettative maggiori di una crescita e un rimbalzo dell'inflazione. Si è parlato molto di un taper tantrum. La Fed ha chiarito che i tassi d'interesse e il sostegno al mercato non sono in discussione al momento. "Crediamo che i rendimenti dei Treasury statunitensi potrebbero facilmente superare il 2% sui titoli a 10 anni, considerato l’attuale contesto economico e il fatto che la FED sia a suo agio con queste circostanze", sottolinea l'esperto.


Secondo l'analisi di Andrew Lake dovremmo aspettarci che la curva continui ad allargarsi e a irrigidirsi nei prossimi mesi. "Ciò significa che i titoli growth più costosi iniziano a sembrare vulnerabili, come mostrato dal sell-off sul NASDAQ nel momento in cui i rendimenti sono saliti - sottolinea -. Questo dovrebbe spingere gli investitori verso segmenti del mercato azionario a più buon mercato e più legati alla prevista ripresa economica". Il contesto è ancora positivo per le azioni e per i titoli a più alto rendimento del reddito fisso. I settori finanziario e delle materie prime potrebbero essere i due beneficiari principali. Si può anche diversificare tra le regioni. 


È interessante notare che uno dei punti chiave del consenso dei mercati per quest’anno - un dollaro più debole - è in qualche modo sotto pressione a questo punto. Mentre i rendimenti dei Treasury salgono come conseguenza della ripresa negli Stati Uniti, il calo del dollaro USA si è fermato. "Questo ha messo sotto pressione alcune valute dei mercati emergenti e ha portato a rialzi dei tassi proprio nel momento in cui sono più vulnerabili - spigano da Mirabaud -. Il Brasile e la Turchia hanno entrambi aumentato i tassi in modo significativo questa settimana". E concludono: "ci aspettiamo che una volta che si avvierà la spinta economica e gli investitori si sentiranno più a loro agio con una ripresa più diffusa e un successivo ritorno verso un prolungato trend di crescita e di inflazione, assisteremo a un calo del dollaro nel lungo termine. Ma ancora una volta, per il momento le incertezze stanno aumentando e il dollaro USA è ancora la valuta risk off".

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Finanza.com è una testata giornalistica registrata. Registrazione tribunale di Milano n. 829 del 26/11/2004
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967