Cina: perchè con RCEP potrebbe superare gli Usa come prima potenza mondiale

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Daniela La Cava

18 novembre 2020 - 10:11

MILANO (Finanza.com)

 


E' arrivata nel fine settimana la notizia della firma di un nuovo accordo commerciale per l'area Asia-Pacifico. Si tratta di un accordo commerciale tra 15 nazioni dell'Asia del Pacifico, denominato Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), che segna la prima partnership commerciale in assoluto tra Cina, Giappone e Corea del Sud, insieme a una serie di accordi minori. In particolare, l'intesa siglata lo scorso 15 novembre punta a creare un'area di libero scambio tra i 10 Stati membri dell’ASEAN e Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda.  La Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) è stato firmato dopo 8 anni di negoziati in un momento di forte crisi economica nei 10 Paesi ASEAN a causa del Covid-19.


Sebbene la maggior parte dei firmatari stia ancora combattendo contro il coronavirus, la RCEP potrebbe aiutarli ad attutire il colpo economico della pandemia. "Anche se ci vorrà poi del tempo per comprendere appieno i dettagli esatti dell'accordo (solo il programma tariffario per il Giappone è di 1334 pagine), per ora sappiamo che prevede programmi tariffari e regole per i 15 paesi coinvolti - spiega John Plassard, Investment Specialist del Gruppo Mirabaud -. L'accordo non arriva a un’integrazione delle economie dei Paesi membri sul modello dell’Unione Europea, ma è costruito su accordi di libero scambio già esistenti. La RCEP favorisce il commercio di beni, in quanto riduce gradualmente i dazi su molti prodotti.


"La RCEP segna un importante punto di svolta e un evidente rimescolamento delle carte. Alla firma del patto, il Premier cinese Li Keqiang ha dichiarato che l’accordo era una vittoria contro il protezionismo. I media internazionali lo hanno definito un colpaccio della Cina che rafforzerebbe le pretese di Pechino di essere un "campione della globalizzazione e della cooperazione multilaterale". Questa nuova Unione Europea asiatica è un segno del ritorno della globalizzazione dopo 4 anni di America First", aggiunge John Plassard, secondo il quale sebbene la RCEP sia uno sviluppo cruciale per tutti i Paesi firmatari, il principale beneficiario è la Cina, che dovrebbe superare rapidamente gli Stati Uniti come prima potenza mondiale.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Finanza.com è un allegato di Finanzaonline, periodico telematico reg. Trib. Roma
© Finanza.com 1999-2020 | T-Mediahouse - P. IVA 06933670967