Mercati: è ancora "effetto Draghi", prezzi in recupero ma non in maniera lineare

  • rss
  • Dillo su Twitter!
  • Mi piace
  • commenti
  • font +
  • font reset
  • font -
  • stampa

Alessandra Caparello

2 luglio 2019 - 15:19

MILANO (Finanza.com)

Il Whatever it  takes, il cosiddetto “effetto Draghi”, per cui si prevedono politiche monetarie ancora più accomodanti, dovrebbe sostenere il trend di recupero dei prezzi, anche se è improbabile che crescano in maniera lineare. Così Anthony Smouha, Gestore delle strategie Credit Opportunities di GAM secondo cui nella prima parte dell’anno si è assistito ad una performance molto solida, dovuta però in parte, dice l’esperto, all’importante flessione registrata nel 2018 nonostante l’assenza di default.


Il mercato ha vissuto un buon inizio d’anno e, considerate le indicazioni di una politica monetaria più accomodante andando avanti, ci aspettiamo, dice l’esperto di GAM, che la ripresa continuerà, anche se non in maniera lineare. Di fatto, quindi, sottolinea l'analista, rimaniamo in una fase del mercato caratterizzata da prezzi bassi. Questo contesto di mercato favorevole permette agli investitori di acquistare titoli caratterizzati da rischi contenuti a rendimenti estremamente elevati. 


Quali sono i titoli più interessanti


A registrare risultati particolarmente positivi da inizio anno da una parte il debito subordinato delle compagnie assicurative e dall’altra i CoCo AT1 bancari. Questi titoli sono sì molto interessanti, ma è importante ricordare però, dice l’analista, che si tratta di un singolo e specifico segmento dell'universo del credito, e che le altre obbligazioni legacy precedenti rimangono altrettanto interessanti. Siamo anche favorevoli rispetto alle floating rate note (FRN), conclude Smouha, anche se i rendimenti attuali sono molto più bassi e la performance è stata ridotta in un contesto di 'caccia al rendimento' come quello attuale. Questo perché questi titoli offrono protezione quando i tassi salgono e vengono scambiati a prezzi particolarmente vantaggiosi. Crediamo quindi conclude, che ci siano dei buoni argomenti a favore di un'esposizione a questi titoli all'interno di un portafoglio ben diversificato e dedicato al credito dei mercati sviluppati dato che non dovrebbero inficiare i rendimenti nel complesso elevati e interessanti.

Lascia un commento

per poter lasciare un commento è prima necessario eseguire il login

Gestori

Aberdeen Asset ManagementAcomeAAgoraAllianz Global Investor
AlpiAmundi GroupAnimaArca
Aviva Investors Global ServicesAxaBanca del CeresioBanca Esperia
Banca Finnat EuramericaBanca Pop Emilia RomagnaBanca ProfiloBlackRock
BNY Mellon Asset ManagementCandriamConsultinvestCredit Suisse
Credito EmilianoDeutsche Asset ManagementErselFidelity International
Finanziaria internazionaleFondacoFranklin Templeton InvestmentsGesti-re
Groupama Asset ManagementGruppo AzimutGruppo Banca CarigeGruppo Banca Sella
Gruppo bancario Veneto BancaGruppo Banco PopolareGruppo BNP ParibasGruppo Credito Valtellinese
Gruppo GeneraliGruppo MediolanumGruppo MontepaschiGruppo Ubi Banca
Gruppo UnicreditHedge InvestIccreaIng Investment Management
Intesa SanPaoloInvescoJanus Capital GroupJP Morgan Asset Management
Kairos PartnersKempen Capital ManagementLa Francaise AMLemanik Asset Management
M&G InvestmentsMorgan StanleyNextam PartnersNN Investment Partners
NordeaPensplan InvestPictet Asset ManagementPoste Italiane
Raiffeisen Capital ManagementSchrodersSkandiaSociete Generale Sa
SoprarnoState Street Global AdvisorsTages Capital GroupTendercapital Funds
Threadneedle InvestmentsUbsUnipolVegagest
Vontobel Asset ManagementZenit (Pfm)

Associazioni

AbiAcepiAipb
AnasfApfAscosim
Assiom ForexAssogestioniAssoreti
Efpa Nafop

Reti

Allianz BankAzimutBanca Fideuram
Banca GeneraliBanca Popolare MilanoBca Popolare di Vicenza
Bnl-gruppo BNPClarisNetCredito Emiliano
Finanza & FuturoFinecoMediolanum
Ubi BancaWidiba

F Risparmio & Investimenti

Eventi finanza


Brown Editore S.r.l. - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano - Tel. 02-677 358 1 - P. IVA 12899320159 - e-mail: info@browneditore.it