News Finanza Notizie Mondo Vontobel: ‘Una curva invertita dei rendimenti dei Treasury Usa non significa una recessione imminente’

Vontobel: ‘Una curva invertita dei rendimenti dei Treasury Usa non significa una recessione imminente’

“Una curva invertita dei rendimenti dei Treasury USA non significa che una recessione sia imminente”. E’ quanto scrivono in una nota Ludovic Colin, Co-Head of Fixed Income Opportunities di Vontobel e Yann Lepape, Head of Macro Strategy Platform di Vontobel.

“Martedì la curva dei rendimenti dei Treasury USA si è invertita, per la prima volta dal 2019 – si legge nel commento degli analisti di Vontobel – Il recente andamento della curva è piuttosto insolito e ci sono argomenti e indicatori che favoriscono una continuazione del trend di appiattimento. Gli investitori obbligazionari stanno ascoltando attentamente le principali banche centrali, che sono principalmente concentrate sulla lotta all’inflazione con, apparentemente, poca preoccupazione per la crescita e l’occupazione”.

“Nei prossimi 3-9 mesi – spiegano da Vontobel – due fattori potrebbero invertire questa tendenza: una Fed meno ‘falco’ o l’inizio del quantitative tightening. Mentre l’estremità corta della curva tende a reagire alla politica monetaria, l’estremità lunga è invece determinata dalle aspettative di crescita. Attualmente, gli investitori stanno rivedendo ogni giorno verso l’alto le loro aspettative di inflazione e di rialzo dei tassi, data la crisi ucraina. Alcuni economisti chiedono ora quattro rialzi di 50 punti base quest’anno, rispetto alla possibilità di un rialzo di 50 punti base seguito da tre rialzi di 25 punti base in precedenza. Nel frattempo, sull’altra estremità della curva, gli investitori sembrano ‘precipitarsi’ sulle obbligazioni, come se una recessione fosse imminente”.

“La coincidenza non è causalità: le curve dei rendimenti hanno dato dei falsi segnali in passato”, puntualizzano Colin e Lepape.

“Gli investitori dovrebbero ricordare che la curva dei rendimenti non è un indicatore affidabile per una recessione nei prossimi 12 mesi, tuttavia, in 3 anni la probabilità di una recessione è molto più alta. Inoltre, la curva dei rendimenti reali è ancora inclinata verso l’alto. Ancora più importante è che sia difficile credere che avremo una recessione, mentre stiamo tornando alla piena occupazione nelle principali economie allo stesso tempo”.

Viene messo in evidenza che “un altro fattore che può spiegare l’inversione della curva è il massiccio quantitative easing negli Stati Uniti, in Giappone e nell’UE dal 2008, che ha probabilmente creato grandi squilibri che potrebbero spiegare perché l’estremità lunga della curva non stia reagendo all’attuale modello di inflazione/crescita. Secondo varie stime, senza il QE, i rendimenti dei Treasury USA a 10 anni sarebbero oggi intorno al 4%. Attualmente, tutti gli economisti hanno rivisto le loro previsioni d’inflazione verso l’alto e le loro aspettative di crescita verso il basso. Finora, quest’anno, la prima ha guadagnato l’1,2% e la seconda ha perso lo 0,5%, ed è probabile che arrivino altre revisioni. Anche se la crescita rimane al di sopra dei livelli storici, questo potrebbe avere un impatto sui prezzi degli asset e quindi influenzare la fiducia degli investitori in generale, il che potrebbe alimentare la volatilità”.

“A lungo termine – continuano da Vontobel – l’inflazione comincerà a scendere verso gli obiettivi delle banche centrali, anche se non crediamo che vedremo i prezzi bassi da record a cui abbiamo assistito durante il decennio successivo alla crisi finanziaria globale del 2008. Invece, è probabile che torneremo alla normale crescita media a lungo termine. Ma, anche se l’inflazione rallenterà nel corso di quest’anno a livelli più bassi, non torneremo nemmeno a uno scenario da Goldilocks. Ci troveremo probabilmente in quello che noi chiamiamo un ambiente ‘soft 70s’, che rende il lavoro delle banche centrali più difficile, e probabilmente sarà una tendenza contraria a lungo termine per i prezzi delle attività”.

Praticamente, prosegue il commento, “la volatilità è la nuova normalità”.

“La volatilità del mercato obbligazionario è qui per restare, il che costringerà gli investitori obbligazionari ad essere più flessibili. La gestione attiva della duration non è stata una grande fonte di alfa negli ultimi 10 anni. Tuttavia, comprare a poco e vendere a tanto, a seconda del ciclo economico e dei fondamentali economici, sarà di nuovo il pane quotidiano di ogni gestore di obbligazioni nel periodo futuro. Alcune obbligazioni come quelle a tasso variabile o i prodotti ad alta diffusione sono meno sensibili all’inflazione. Tuttavia, la correlazione con i rendimenti diventa un problema da analizzare per gli investitori quando si considerano diversi tipi di obbligazioni e, dopo l’ultima mossa, alcune obbligazioni a basso rischio possono offrire rendimenti interessanti”.

Vontobel conclude:

“Per navigare in questo ambiente, gli investitori devono essere chiari sui loro obiettivi di rischio/rendimento e confrontare diversi asset. Per esempio, gli investitori che cercano la conservazione del capitale indipendentemente dai tassi reali, il Treasury a 2 anni all’attuale livello del 2,3% in USD è un’opzione attraente perché gli investitori riavranno i loro soldi e potrebbero persino essere in grado di battere i rendimenti del contante a 3 mesi su 2 anni. Tuttavia, se gli investitori vogliono battere l’inflazione e creare un reddito reale, devono assumersi più rischi e considerare le obbligazioni societarie e dei mercati emergenti”.