News Notiziario Notizie Italia Unicredit: Orcel vede deterioramento qualità credito complice guerra e costi energia

Unicredit: Orcel vede deterioramento qualità credito complice guerra e costi energia

Il ceo di UniCredit, Andrea Orcel, prevede un deterioramento della qualità del credito in futuro. “Sebbene il rischio di credito non sia finora peggiorato e la banca non stia assistendo a un cambiamento sostanziale dei tassi di insolvenza, prevediamo che ciò accadrà in futuro a seconda di quanto durerà la guerra”, ha affermato Orcel in una conference call con la stampa. Il numero uno di Unicredit si aspetta che i governi adottino misure di compensazione se la situazione dovesse peggiorare, come accaduto durante la pandemia.

UniCredit si è impegna a stanziare 5 miliardi di euro di nuovi finanziamenti a sostegno delle imprese italiane alle prese con il vertiginoso aumento dei costi energetici e delle materie prime. Il plafond è messo a disposizione delle imprese del Paese di ogni settore per sostenerne le esigenze di liquidità. UniCredit promuove inoltre la sospensione dei pagamenti della rate sui finanziamenti a imprese e famiglie e la dilazione delle spese per i clienti privati per un valore complessivo di circa 3 miliardi

di euro.