News Notiziario Notizie Altri paesi Europa UBS: eurozona è già in recessione per la stretta energetica

UBS: eurozona è già in recessione per la stretta energetica

Secondo gli economisti di UBS Group AG, l’area dell’euro è già entrata in una recessione anche se “poco profonda”, innescata dall’aumento dei prezzi dell’energia, ma che durerà fino alla fine dell’anno. L’economia dei 19 Paesi si contrarrà dello 0,1% nel terzo trimestre e dello 0,2% nel quarto, hanno previsto gli analisti ma ciononostante, hanno aggiornato le loro previsioni per l’intero anno dopo una forte performance nei tre mesi fino a giugno. Le previsioni di crescita per il 2023 sono state ridotte allo 0,8% dall’1,2%. “Alla luce di ulteriori significativi aumenti dei prezzi dell’energia, che comportano un’ulteriore pressione sui consumi delle famiglie e sugli investimenti fissi, ci aspettiamo ora che la zona euro subisca una recessione tecnica”, hanno dichiarato gli economisti guidati da Reinhard Clusesa.

Un presupposto fondamentale è che i prezzi del gas naturale saliranno ancora, ma non ci saranno gravi carenze. Se si rendesse necessario un razionamento, “il danno economico sarebbe probabilmente molto più grave”, ha affermato UBS. Anche gli economisti di Morgan Stanley sono diventati più pessimisti, prevedendo una contrazione della zona euro più profonda rispetto al passato, a partire dal quarto trimestre. “Vediamo un impatto più duraturo della crisi energetica nel prossimo anno, poiché prevediamo che i prezzi più alti e l’incertezza sull’approvvigionamento energetico persisteranno fino all’inverno 2023-24”, hanno dichiarato gli analisti guidati da Jens Eisenschmidt. “Tuttavia, non tutto è cupo e pensiamo che dopo questa fase di debolezza seguirà una ripresa, trainata da una ripresa degli investimenti privati e pubblici”.