News Finanza Indici e quotazioni Tesla, effetto Twitter: titolo -59% da annuncio Musk, il paragone con GM e Ford inchioda il ceo

Tesla, effetto Twitter: titolo -59% da annuncio Musk, il paragone con GM e Ford inchioda il ceo

A Wall Street l’attenzione continua a rimanere su Tesla, all’indomani delle vendite che hanno assediato il titolo, facendolo scivolare al nuovo minimo in 52 settimane, attorno a quota $128, in ribasso di ben l’8%. In premercato le quotazioni del colosso delle auto elettriche (EV) salgono dell’1% circa.

Nelle ultime ore il numero uno e fondatore di Tesla Elon Musk ha motivato la flessione delle azioni con le preoccupazioni sul contesto macroeconomico che stanno penalizzando in generale l’azionario.

Va detto tuttavia che, sebbene Musk cerchi di scagionare il ruolo di Twitter, di cui è diventato proprietario e ceo con il completamento dell’acquisizione del social alla fine di ottobre, alcuni numeri sono chiari:

da quando ha annunciato l’intenzione di acquistare Twitter, il 22 aprile scorso, il titolo Tesla ha perso molto di più dei titoli di altri grandi nomi del comparto dell’auto.

Per la precisione, da quel 22 aprile, Tesla ha lasciato sul terreno il 59%, rispetto a -26% di Ford e al -12% di General Motors.

Nello stesso arco temporale, l’indice benchmark di Wall Street S&P 500 ha ceduto ‘solo’ il 14%.

Twitter è stata definita spesso alla stregua di una sorta di nuovo giocattolo, che ha distratto Elon Musk dalla gestione del colosso delle auto EV. Dal canto suo, Tesla è stata etichettata spesso come il Bancomat di Musk per finanziare le operazioni di Twitter.

Proprio la scorsa settimana, le quotazioni TSLA hanno pagato di fatto l’ennesima decisione di Musk di smobilizzare azioni Tesla, per la precisione 22 milioni di titoli, per un valore di 3,6 miliardi di dollari, dopo averne smobilizzati 10,5 milioni all’inizio di novembre, poco dopo il completamento dell’acquisizione di Twitter.

E’ stata forse questa la goccia che ha fatto traboccare il vaso, scatenando la furia degli azionisti.

Eppure Cathie Wood continua a sostenere le quotazioni, confermando la sua natura contrarian. 

In particolare gli ETF della galassia Ark Investment Management LLC hanno acquistato poco più di 445.000 azioni TSLA dal 3 ottobre, quando hanno iniziato la loro ultima serie di acquisti, secondo i dati di negoziazione di Ark compilati da Bloomberg.