News Notiziario Notizie Germania Siemens Energy amplia le perdite dopo il ritiro dalla Russia

Siemens Energy amplia le perdite dopo il ritiro dalla Russia

Siemens Energy, che fornisce apparecchiature all’industria energetica, ha registrato una perdita netta superiore alle previsioni nel 2022, con un addebito di circa 200 milioni di euro, in seguito alla ristrutturazione delle proprie attività in Russia.

La società, che sta effettuando la manutenzione delle turbine della stazione di Nord Stream 1 di Portovaya, ha affermato che la perdita netta del 2022 supererà la perdita pari a 560 milioni di euro nel 2021 per l’addebito di 200 milioni di euro (segnalato come voce speciale).

Ricordiamo che Siemens Energy è stata scorporata da Siemens nel 2022 e possiede la maggioranza nel produttore di turbine eoliche Siemens Gamesa.

All’inizio di quest’anno, il gruppo ha dichiarato che avrebbe interrotto tutte le nuove attività in Russia sulla scia dell’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, aggiungendo che le vendite lì rappresentano una bassa quota percentuale delle vendite totali di 28,48 miliardi di euro.

Siemens Energy ha indicato la debolezza di Siemens Gamesa come causa per le perdite, in vista di un’offerta in contanti di 4,05 miliardi di euro per il restante 33% della società che non possiede.

“Ci aspettiamo che il nuovo management di Siemens Gamesa ora implementi un rigoroso piano di risanamento”, ha detto Christian Bruch, amministratore delegato di Siemens Energy.