News Finanza Dati Macroeconomici PMI flash, S&P: economia in contrazione nel terzo trimestre dell’anno

PMI flash, S&P: economia in contrazione nel terzo trimestre dell’anno

“Gli ultimi dati PMI della zona euro indicano un’economia in contrazione nel terzo trimestre dell’anno. Le pressioni sul costo della vita fanno sì che la ripresa del settore dei servizi, dopo l’abolizione delle restrizioni per la pandemia, si sia affievolita, mentre l’industria manifatturiera è rimasta impantanata nella contrazione ad agosto, con un altro accumulo record di scorte di prodotti finiti, poiché le imprese non sono state in grado di liberarsi dei prodotti in un contesto di calo della domanda” afferma Andrew Harker, Economics Director presso S&P Global Market Intelligence commentando i dati PMI diffusi oggi. “Questo accumulo di scorte suggerisce che non ci sono molte prospettive di miglioramento della produzione manifatturiera nell’immediato futuro. “Il calo della produzione si osserva ora in una serie di settori, dai materiali di base alle aziende automobilistiche, dal turismo alle società immobiliari, mentre la debolezza economica va espandendosi. “Anche la ricostruzione della forza lavoro dopo la pandemia sta perdendo vigore, con le aziende sempre più riluttanti ad assumere personale aggiuntivo, visto il calo degli ordini e la relativa debolezza del clima aziendale. “Le imprese continuano almeno a registrare aumenti più contenuti dei costi, aumentando a loro volta i prezzi di vendita a un ritmo più contenuto. Ciò dovrebbe contribuire ad alimentare un rallentamento dell’inflazione dei prezzi al consumo nei prossimi mesi dell’anno, anche se sembra che qualsiasi alleggerimento della situazione dell’inflazione arrivi troppo tardi per fornire un reale sostegno alla domanda. Il resto del 2022 si prospetta quindi come un periodo di difficoltà per le imprese dell’Eurozona.” Conclude Harker.