News Finanza Notizie Italia Piazza Affari parte in sordina aspettando l’inflazione Usa, bene Poste

Piazza Affari parte in sordina aspettando l’inflazione Usa, bene Poste

Partenza in sordina per Piazza Affari dopo i rialzi delle ultime sedute che hanno spinto il listino milanese sui massimi da giugno. L’indice Ftse Mib segna dopo i primi scambi un rialzo dello 0,03% a 23.787 punti. Oggi attesa per l’inflazione statunitense, che dovrebbe segnare un rallentamento a ottobre (+7,9% rispetto all’8,2% di settembre),; attesa in rallentamento anche la componente core (+6,5% da 6,6%).

Sul mercato si guarda anche alle tensioni sul fronte criptovalute dopo che Binance ha annullato i piani per acquisire l’exchange FTX.com, che potrebbe andare incontro al fallimento. Il bitcoin è arrivato a scendere sotto la soglia dei 16.000 $, sui minimi da novembre 2020.

Sul parterre di Piazza Affari si segnalano i rialzi di Poste (+2,1%) che oggi ha diffuso i conti del 3° trimestre. In calo invece Snam (-1,13%) che ha riportato un utile netto adjusted di gruppo d 932 milioni di euro (-0,6%) nei primi 9 mesi 2022 e confermato la guidance sull’utile netto 2022 ad almeno 1,13 miliardi di euro.

Tra i peggiori in avvio figurano Iveco con -3,7% ed Hera con -2,44%.