News Notiziario Notizie Italia Piazza Affari KO dopo la Fed, male Stellantis dopo i conti

Piazza Affari KO dopo la Fed, male Stellantis dopo i conti

Incipit di seduta con la retromarcia inserita per Piazza Affari. Pesa il tono ancora hawkish mostrato ieri sera dalla Federal Reserve che ha alzato i tassi di 75 punti base per la quarta volta consecutiva. Il presidente della Fed, Jerome Powell, da un lato ha affermato che l’aumento dei tassi inizierà presto a rallentare, dall’altro ha indicato che il tasso terminale sarà probabilmente più alto di quanto previsto in precedenza. “La riunione del FOMC ha fornito un brusco risveglio per coloro che ritenevano che un rallentamento del ritmo degli aumenti delle banche centrali canadesi e australiane significasse che stiamo iniziando il ‘pivot’ che tutti i trader stavano aspettando”, rimarcano stamattina gli esperti di IG.

Così ieri il Nasdaq (-3,3%) ha guidato le perdite a Wall Street. Male stamattina anche le Borse asiatiche complici anche i dati del PMI sui servizi di Caixin sceso a un minimo di cinque mesi a 48,4.

A Milano il Ftse Mib cede lo 0,82% a 22.615 punti. Sul parterre di Piazza Affari calo del 2% per Stellantis che ha riportato ricavi leggermente superiori alle attese confermando la guidance per l’intero anno. Positiva Intesa (+0,545) che a metà seduta diramerà i conti del 3° trimestre. In rialzo anche oggi TIM (+0,9%) che ieri si era giovata di nuove voci di Opa.