News Notiziario Notizie Italia Mps: dal 1° dicembre oltre 4mila uscite, al via la revisione del modello organizzativo

Mps: dal 1° dicembre oltre 4mila uscite, al via la revisione del modello organizzativo

Modello organizzativo in fare di revisione per il Monte dei Paschi di Siena considerando che dal 1° dicembre dovrà assorbire l’urto delle 4.125 uscite simultanee di personale. “Nelle passate settimane la Banca ha attivato colloqui, trasferimenti e riqualificazioni per il personale interessato” scrivono le segreterie di coordinamento Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin del Monte dei Paschi, per cui “nonostante ciò la manovra ha evidenziato l’assenza di una programmazione formativa esigibile (cui hanno diritto coloro che accedono ai nuovi ruoli), una conduzione non ottimale dei colloqui gestionali, ed una limitata capacità di ascolto e di comprensione delle esigenze dei colleghi”.

I sindacati inoltre “ritengono opportuno ricercare delle fasi di dialogo a livello centrale e periferico, per gestire al meglio le ricadute sui dipendenti riguardo ai nuovi carichi di lavoro, alla nuova organizzazione, alla formazione e alla gestione dei rischi operativi”. Le rappresentanze sindacali inoltre reputano sia “necessario guardare alle imminenti scadenze e chiedono di ripristinare le condizioni per lo svolgimento di incontri urgenti in tutte le Direzioni Territoriali e nelle strutture centrali, che evidenzino in modo trasparente gli impatti dell’esodo e del riassetto organizzativo e le conseguenti criticità, al fine di ricercare le migliori soluzioni percorribili, tenuto conto dei bisogni e delle condizioni dei colleghi e non solo delle esigenze della Banca”. “In questo momento, dopo aver superato passaggi difficili per la gestione degli esuberi e per l’aumento di capitale, la nostra attenzione è rivolta alle Lavoratrici e ai Lavoratori che restano nella Banca, che meritano una migliore e più sensibile considerazione da parte dei vertici aziendali; gli intendimenti enunciati dal management all’atto della presentazione del Piano Industriale in materia di valorizzazione delle risorse umane dovranno trovare un’adeguata concretizzazione anche e soprattutto in termini di normative contrattuali” concludono.